Personaggi ai margini che hanno imparato a muoversi border line o a scomparire del tutto: in una contemporaneità come la nostra dove più si “condivide”, soprattutto virtualmente, più si è davvero appagati, leggere Uscire dal mondo (Rizzoli), il nuovo libro di Edoardo Albinati (foto in copertina Musacchio & Ianniello), lascia addosso tante sensazioni. Intanto, le storie (tre racconti) parlano di donne e uomini complessi, ognuno con la sua croce, che cercano quasi di rendersi invisibili in un micromondo che può significare espiazione o riscatto: perché lì si può essere stati relegati oppure siamo stati noi a rinchiuderci.

Un detenuto problematico, con una giovane vita contrassegnata da abusi di droghe – “(…) ripercorre un cammino già raccontato altrove cento volte, un circuito obbligato, una corsa a ostacoli dove gli ostacoli vengono abbattuti uno dopo l’altro, finché viene abbattuto anche il cavallo che vi è inciampato ed è rimasto zoppo, quindi meglio interromperlo qui l’elenco dei reati, dei referti psichiatrici, delle molestie, delle condanne e delle botte, dei tentativi di disintossicazione, meglio che restino chiusi nelle cartelle giudiziarie e cliniche, o no?” – una ragazza afflitta da una misteriosa malattia e un artista misantropo sono i protagonisti di un romanzo emotivamente forte popolato da personaggi che Albinati descrive con cura, sono tridimensionali in un incedere quotidiano che si trascina pesante, popolato dai fantasmi del passato. Ognuno di loro, non solo i comprimari, ha alle spalle un qualcosa di doloroso – possono essere segreti, errori, rimpianti… – che lo stile di Albinati e la sua profondità introspettiva amplificano.

“La professoressa viveva da sola con la vecchia madre e non aveva mai avuto un marito o dei figli, ma non poteva arrendersi a una banalità come quella di provare un sentimento materno nei confronti del povero Ragazzo A. Niente di più scontato, e dunque di falso. Eh, no, non è possibile, non siamo mica macchinette, il mio cuore non ha bisogno di compensazioni, altrimenti me le sarei già prese, non è la prima volta che mi capita. Dev’esserci qualcosa di più profondo che mi sfugge. Non rendendosi conto che la sua non era affatto una compensazione, bensì una premonizione”.

Albinati si muove con una scrittura esatta e inarrestabile dentro le ossessioni del nostro tempo, per far emergere sentimenti che riguardano tutti: la paura del giudizio altrui, il febbrile desiderio di essere compresi. Uscire dal mondo è un gioco di disvelamenti e di specchi che, a seconda dell’approccio che si ha, spaventa o attrae.

L’Autore è nato a Roma nel 1956. Lavora come insegnante nel carcere di Rebibbia. Tra i suoi libri Maggio selvaggioOrti di guerra19Sintassi italianaSvenimentiTuttalpiù muoio (scritto con Filippo Timi), Vita e morte di un ingegnere. Nel 2016 ha vinto il Premio Strega con La scuola cattolica.

Rossella Montemurro

Pubblicità
Pubblicità

mercoledì Settembre 21, 2022

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap