domenica, 21 Luglio 2024

“Bisogna prendere esempio dal modo in cui queste persone affrontano la normalità come noi normali non siamo in grado di fare”. Le parole della consigliera comunale di Matera Lucianna Stigliani, mamma di un ragazzo autistico campione di tennistavolo, hanno arricchito ulteriormente, questa mattina nel plesso Da Vinci dell’Istituto d’Istruzione Superiore Isabella Morra, un’atmosfera di emozioni per la presenza di Marco D’Aniello, ragazzo autistico e campione di nuoto tarantino, e dalla sua famiglia. Nell’ambito dei Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento delle terze, quarte e quinte classi dell’indirizzo professionale Servizi per la Sanità e l’Assistenza sociale, gli studenti hanno incontrato Marco e la giornalista Rossella Montemurro autrice del libro Il mio tuffo nei sogni. Marco D’Aniello, una storia di sport e amicizia (Altrimedia Edizioni, prefazione di Mara Venier, il volume lo scorso settembre ha ottenuto il prestigioso riconoscimento nella sezione “Letteratura” dell’evento “Roma premia la cultura sociale” in Campidoglio).

“La presentazione di questo libro – ha spiegato la professoressa Caterina Policaro, Dirigente Scolastico dell’Istituto d’Istruzione Superiore Isabella Morra di Matera – è un evento che abbiamo fortemente voluto e costruito insieme a Rossella Montemurro come Istituto che ha un indirizzo specifico per la formazione dei futuri professionisti del sociale. Ringrazio la professoressa Caterina Ambrosecchia e i docenti che hanno curato la preparazione delle classi coinvolte, l’attività di lettura del libro e le esercitazioni da esso scaturite”.

Preziosa anche la collaborazione della professoressa Rosaria Scaraia per un incontro che ha visto la partecipazione attiva di studenti e studentesse che hanno dato vita a un vero e proprio talk show sulla storia di Marco e, di riflesso, sui temi del libro scritto dalla Montemurro.

Accanto a Marco, vittima di bullismo e di una società non sempre disposta a integrare i più fragili, mamma Cinzia e papà Roberto: è stato grazie a loro se Marco ha raggiunto traguardi importanti, conquistando nel 2019 il record italiano assoluto nella categoria Juniores 50 metri stile libero ai Campionati Nazionali della FISDIR. Oggi, tesserato FINP, continua a mietere successi.

È stato tanto l’entusiasmo e il calore dimostrato a Marco dagli studenti. Hanno realizzato t-shirt e cartelloni prendendo spunto dal suo amore per i delfini e dal suo hashtag tristezza zero, e gli hanno fatto alcuni regali. A Cinzia è stata regalata una pergamena con i versi di Maternità di Tagore.

Presenti anche la direttrice editoriale di Altrimedia Edizioni Gabriella Lanzillotta, il sindaco di Matera Domenico Bennardi e l’assessore alla Mobilità Michelangelo Ferrara. Questi ultimi hanno donato a Marco una targa e un bassorilievo simbolo della Cava del Sole.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap