martedì, 16 Luglio 2024

 
È “Per chi suona la buatta. Storia di un percussautore” (Aracna Edizioni) il titolo del libro di Tony Cercola e Antonio D’Errico.
IL LIBRO
Il suono della musica dei tamburi artigianali, le buatte, in dialetto napoletano, echeggia nelle pagine del libro come fosse richiamo per l’animo di un bambino. Il primo suono che raggiunge Tony è nel negozio di panettiere del papà, nel centro di Napoli. Tony rimane suggestionato dall’armonia prodotta dal picchiettare ritmico sui piatti della bilancia e sul legno del bancone. A dieci anni, con la famiglia, si trasferisce a Cercola, un paese alle falde del Vesuvio. Si nutre della cultura di quei luoghi, fatta di vibrazioni, di fermenti popolari, di energia, che traggono intatta l’impronta del vulcano. Appena adolescente ritorna a Napoli, negli ambienti dove si crea la musica. Frequenta il Play studio, un centro sperimentale di ricerche audiovisive: “Era frequentato da giovani musicisti come Franco Battiato, De Gregori, Venditti”.
Entra nel giro delle radio libere. È qui che incontra colui che gli darà l’occasione di iniziare: Sandro Petrone. Conierà insieme all’amico il termine “percussautore”, che gli rimarrà per sempre come un sigillo di originalità. Viene notato da un altro animo elevato della musica partenopea, Edoardo Bennato. Collaborerà con lui in due album, fino all’incontro con Pino Daniele, che lo consacrerà definitivamente come il musicista che girerà il mondo con le sue buatte.
GLI AUTORI
Tony Cercola, percussionista e compositore. Ha suonato con Pino Daniele, Edoardo Bennato, Tullio De Piscopo, Enzo Gragnaniello, coi quali ha partecipato a programmi televisivi di successo come L’altra domenica di Renzo Arbore. Nel 2012 esce con l’album VOCI SCOMPOSTE. Il suo ultimo album è PATATRAC.
Antonio G. D’Errico, scrittore, poeta e sceneggiatore, nasce a Monteverde e vive a Milano. Autore di romanzi, come “Montalto. Fino all’ultimo respiro” (G. Laterza, Premio Grinzane Pavese) e “Morte a Milano” (Macchione Editore), ha vinto, tra gli altri, il Premio Pavese per ben due volte. Nel 2011 lavora, con Eugenio Finardi, al libro “Spostare l’orizzonte” (Rizzoli), seguito nel 2012 da “Segnali di distensione, incontri con Marco Pannella” (A nordest). Nel 2015 scrive “Je sto vicino a te”, biografia di Pino Daniele, scritta con Nello Daniele, fratello del cantautore partenopeo (Mondadori). Nel 2019, insieme all’amico Donato Placido pubblica “Dio e il cinema” (Ferrari Editore). È candidato al Premio Nobel per la letteratura.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap