La commemorazione dei defunti del 2 novembre è uno dei momenti dell’anno più sentiti e partecipato dalle comunità dei fedeli. Quest’anno però la situazione è difficile per la nota crisi sanitaria da coronavirus per cui, anche alla luce dei due recenti DPCM, i fedeli che parteciperanno alle funzioni religiose avranno cura di rispettare le norme di prevenzione contribuendo con grande senso di responsabilità, per il bene di tutti, affinché gli sforzi e i sacrifici che si stanno facendo non vengano vanificati.

A Matera la commemorazione dei defunti si terrà lunedì 2 novembre presso il Cimitero nuovo in Contrada Pantano alle ore 9,30 per la deposizione della corona di alloro in memoria dei caduti e alle ore 10,00 per la celebrazione della Santa Messa, presieduta dall’arcivescovo mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, con la partecipazione delle Autorità Civili e Militari.  La celebrazione avverrà sul piazzale dell’ingresso del Cimitero con la partecipazione massima di 50 persone.

Tutte le altre liturgie previste nella Cappella Comunale del Cimitero nuovo, dopo la visita di un geometra e due ingegneri del Comune, sono state annullate: la Cappella non è fruibile per le celebrazioni liturgiche perché non  garantisce il ricambio dell’aria, a causa di un solo ingresso.

Del pari, nell’ambito del territorio diocesano, la ricorrenza della commemorazione dei fedeli defunti sarà celebrata nelle singole chiese parrocchiali o rettorie e santuari, rispettando le previste norme di sicurezza sanitaria senza creare ogni tipo di assembramento.

Pubblicità
Pubblicità