martedì, 23 Luglio 2024

Matera,  funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino. L’omelia di Mons. Caiazzo: “Amore non è più una bella parola, un gesto di benevolenza, ma un agire colmo di umanità: consumarsi pienamente fino alla morte”

Pubblichiamo l'omelia che mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina, ha pronunciato questa sera nel Palazzetto dello Sport, gremito, durante i funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino: Carissimi,...

Giorni fa la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Policoro è stata allertata sull’utenza di emergenza 112 di un giovane, in stato di agitazione psicofisica, che stava aggredendo la madre disabile impedendole di uscire di casa. Sul posto si sono recati immediatamente i Carabinieri del Nucleo Radiomobile che constatavano la chiusura della porta d’ingresso dell’abitazione con rumori da caduta di oggetti provenienti dall’interno. I militari dell’Arma cercavano quindi di calmare il giovane, invitandolo più volte ad aprire la porta. Dopo aver udito urla disperate e richieste di aiuto da parte della madre, un Carabiniere attraverso una finestra del pianerottolo dell’appartamento si arrampicava raggiungendo il balcone dell’abitazione. Dopo aver sollevato le avvolgibili di due stanze ed aver notato che l’interno era a soqquadro, rompeva il vetro della finestra di una camera, facendo ingresso in casa. Giunto nel corridoio, notava distesa sul pavimento la donna con un mobile rovesciatole addosso ed il figlio che le saltava sopra. Il militare dell’Arma intimava più volte all’aggressore di desistere dall’azione violenta ma lo stesso, pronunciando frasi sconnesse, gli si scagliava contro, cercando di guadagnare poi la fuga dal balcone, ma senza riuscirci. Quindi si portava in cucina dove tentava di afferrare qualche utensile per poi scagliarsi nuovamente contro il militare che riusciva a respingerlo. Nel frattempo l’altro Carabiniere, dopo aver praticato un varco nella parte inferiore della porta d’ingresso, entrava nell’abitazione riuscendo, insieme al collega, a bloccare ed ammanettare il giovane. Gli stessi militari dell’Ama prestavano subito soccorso alla donna affidando successivamente madre e figlio alle cure dei sanitari. Il provvidenziale intervento dei Carabinieri ha permesso di scongiurare possibili conseguenze peggiori. 

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap