martedì, 23 Luglio 2024

Matera,  funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino. L’omelia di Mons. Caiazzo: “Amore non è più una bella parola, un gesto di benevolenza, ma un agire colmo di umanità: consumarsi pienamente fino alla morte”

Pubblichiamo l'omelia che mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina, ha pronunciato questa sera nel Palazzetto dello Sport, gremito, durante i funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino: Carissimi,...

Ultimo test match per una folta delegazione di atleti lucani prima dei Campionati Italiani assoluti nella bellissima palestra dei Maestri Paolo e Massimo Liberati a Roma. I prossimi Campionati Italiani di Kickboxing si disputeranno sempre a Roma dal 14 al 16 maggio 2021 e da questi Campionati Italiani si formeà la prossima Nazionale Italiana che rappresenterà l’Italia ai Campionati Mondiali, a Jesolo dal 15 al 24 ottobre 2021.
Questi i ragazzi:
Antonio Gravela -63.500 Kg K-1 Dynamic Center Matera primo classificato,
Antonio Musto -63.500 Kg Low Kick Dynamic Center Matera secondo classificato,
Donatello Musto -71 Kg Full Contact Dynamic Center Matera terzo classificato,
Romualdo Fuoco -60 Kg Low Kick Nuova Athena Montescaglioso secondo classificato,
Michele Dichio -71 Kg K-1 Nuova Athena Montescaglioso primo classificato,
Palazzo Rocco -75 Kg Low kick Nuova Athena Montescaglioso secondo classificato.
Seguiti in questa trasferta dal Maestro Gino Clemente e dal Maestro Biagio Tralli.

Il primo a salire sul ring è Donatello Musto di Ginestra (PZ) opposto a Angelo Petroni atleta del Maestro Liberati. Al suono della campanella l’atleta lucano parte contratto e non sfrutta al meglio il suo allungo e le sue agili gambe, ma nonostante ciò mette seriamente in difficoltà l’atleta di casa che solo nell’ultima ripresa riesce a centrare con qualche colpo Musto. I giudici premiano il padrone di casa, Donatello si deve accontentare della medaglia di bronzo.

Subito dopo è il montese Rocco Palazzo a varcare le corde del ring opposto a Agostino Stirbu. I due partono molto decisi e l’atleta lucano stravince la prima ripresa usando dei potenti diretti e chiudendo l’azione con i suoi calci. Al suono della campanella il romano schiaccia il piede sull’acceleratore portando dalla sua parte il giudizio degli arbitri.

Il terzo a salire sul ring è Antonio Musto opposto all’atleta azzurro Gianluca Trotti. Danno subito vita a un match molto combattuto dalla prima all’ultima ripresa. Alla fine dell’incontro però i giudici danno la vittoria al fighter romano anche se, secondo i Maestri della delegazione lucani, il match era pari.

Subito dopo è Antonio Gravela a salire sul ring opposto all’azzurro Andrea Orsini, i due sanno che si potranno scontrare ai Campionati Italiani e partono subito al massimo, con Gravela molto più veloce sulle gambe rispetto all’avversario che fa molta fatica a stargli dietro per mettere dei colpi. Prima e seconda ripresa con il materano in netto vantaggio. Al suono della terza ripresa, il romano cerca di ribaltare il match ma c’è Antonio che non gli dà la possibilità di rimontare.

Il quinto a salire sul ring è il giovanissimo atleta montese Romualdo Fuoco opposto al fortissimo atleta azzurro Mattia Leone. Nella prima ripresa il lucano soffre il lavoro di gambe del suo avversario ma alla seconda ripresa Romualdo schiaccia il piede sull’acceleratore mettendo in difficoltà il suo avversario che nonostante ciò vince. Fuoco scende dal ring dimostrando di avere carattere e di certo sentiremo parlare di lui nei prossimi anni.

L’ultimo a varcare le corde del ring romano è il montese Michele Dichio opposto a Fabio Busato. Michele parte un po’ bloccato nella prima ripresa, ma come inizia il secondo round tira fuori il meglio di sè mettendo in seria difficoltà il suo avversario. Alla fine del match il giudice centrale alza le braccia di Michele al cielo.

“Sono soddisfatto di questo ultimo test prima della partenza ai campionati Italiani, i ragazzi sono pronti e sono certo che ai prossimi Campionati Mondiali di Kickboxing ci sarà un po’ di lucania nella delegazione azzurra”, commenta il Presidente Regionale Federkombat Basilicata Biagio Tralli.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap