Ultimo seminario della serie dedicata all’Agricoltura Organica Rigenerativa (AOR) organizzata dall’ALSIA.
Il 7 a Genzano (PZ), presso l’IPSASR (https://goo.gl/maps/3BLBirc6Qiw), e l’8 novembrea Rotondella (MT), presso il Terrazzo sul Sinni (https://goo.gl/maps/kbx6fY4AuNT2), dalle ore 9,00 sino alle ore 18,30 si terranno i lavori condotti da Matteo Mancini, anch’egli di Deafal.
Una intera giornata per dimostrare ai partecipanti le tecniche per come utilizzare materiali di scarto o di scarso valore ed ottenere prodotti utili per il terreno, le piante e gli animali. Tecniche per migliorare la qualità e la quantità delle produzioni agricole riducendone i costi, sia quelli sopportati dall’agricoltore che quelli indiretti, sopportati da tutti, ovvero quelli ambientali. Infatti oltre l’assenza di prodotti chimici di sintesi le tecniche AOR consentono di far ritornare molta CO2 nei terreni, contribuendo alla mitigazione dei cambiamenti climatici. 

Matteo Mancini  chiuderà la serie con interventi diversificati, in base ai territori.
Questo il programma che sarà sviluppato:

Lavellese:
Mattina
– L’agricoltura di collina, un sistema in pericolo: erosione, compattamento, demineralizzazione dei suoli;
– Strumenti per la rigenerazione dei terreni: sistemazioni idraulico-agrarie, rotazioni e avvicendamenti per la cerealicoltura, l’importanza delle colture di copertura, meccanizzazione appropriata.
Pomeriggio
– Le avversità fungine, come affrontarle: attività pratica con dimostrazione di concia in azienda.
– Le colture agrarie in collina: esempi pratici di rigenerazione dei suoli.

Metapontino:
Mattina
– La salute dal suolo e quella delle piante, una relazione inscindibile
– Strumenti per la rigenerazione dei terreni: terreni lavorati contro inerbimento; prato stabile o sovesci annuali?; meccanizzazione appropriata
Pomeriggio
– Nutrire le piante con corroboranti da spruzzo: a cosa servono, quando si usano, come si fanno (attività pratica)
– Esempi pratici e risultati dell’uso dei corroboranti da spruzzo.

Pubblicità
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *