lunedì, 22 Luglio 2024

 
Più di 30mila libri acquistati, oltre 150 autori partecipanti, circa 3500 lettori coinvolti in 200 serate tra i comuni del Chianti fiorentino e senese.
Sono questi i numeri dei primi trentun anni del Premio Letterario Chianti (nella foto “Allegoria del Chianti” – opera del maestro Orafo Mauro Bandinelli), la manifestazione diretta da Paolo Codazzi e Giuseppe Panella, che vanta il merito di avere avuto tra i vincitori, nel 1997, Andrea Camilleri, con “Il cane di terracotta”, di fatto il suo primo premio letterario vinto, come autore.
Il Premio Letterario Chianti nasce da un’idea dello scrittore Paolo Codazzi, direttore della rivista culturale “Stazione di Posta”, e viene fondato nel 1987 grazie alla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di Greve in Chianti e la Rivista.
Una connotazione peculiare del Premio fin dalla prima edizione, è stata la centralità della Giuria di Lettori, che ampliandosi di anno in anno, fino agli attuali trecentocinquanta partecipanti, determina il vincitore del Premio tra una cinquina di finalisti (nel 2017, un settetto) selezionati da una Giuria Tecnica presieduta, fino al 2008, da Giorgio Luti, poi sostituito da Giuseppe Panella, Paolo Codazzi e un rappresentante nominato di anno in anno dall’Assessorato alla Cultura di ciascuno dei comuni convenzionati assieme alla rivista “Stazione di Posta”.
Grazie all’impegno di Sindaci e Assessori succedutisi nel tempo, della Rivista, della Giuria Tecnica, e del Comitato Tecnico, dei responsabili delle Biblioteche dei Comuni convenzionati, nonché alla entusiastica partecipazione della Giuria dei Lettori, il Premio Letterario Chianti è cresciuto e si è rafforzato e, soprattutto, ha trasferito nelle abitazioni di quasi trecento persone del comprensorio dei Comuni convenzionati, un sereno e serio dibattito sulla produzione narrativa di questi ultimi trent’anni, selezionando e premiando autori che successivamente hanno ottenuto ulteriori importanti riconoscimenti.
Il Premio in sintesi
Il Premio è riservato ad Opere di narrativa in lingua italiana, edite dal 1 luglio 2016 al 30 giugno 2017.
Il Comitato Tecnico, entro il 31 dicembre 2017, selezionerà 5 opere da ammettere in finale.
Le Case Editrici e gli Autori delle opere finaliste si impegnano a fornire il numero di copie che verranno richieste per dotare la Giuria dei Lettori al prezzo di copertina scontato del 50%. (Il quantitativo di copie da fornire potrà variare dalle 250 alle 300 copie secondo le reali richieste in base al numero dei Lettori), e ad assicurare la partecipazione dell’Autore alla presentazione dell’opera alla Giuria dei Lettori e, possibilmente, alla cerimonia di premiazione.
Le cinque opere finaliste saranno presentate dagli Autori alla Giuria dei Lettori in
altrettanti incontri che si terranno nei Comuni consorziati nella manifestazione, a partire dal mese di febbraio 2018 secondo un calendario che verrà successivamente e tempestivamente comunicato.
Al vincitore del Premio Letterario Chianti, XXXI edizione 2017/2018, verrà assegnato un premio di Euro 2.000. A ciascuno degli altri finalisti verrà assegnato un premio di Euro 1000.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap