sabato, 20 Luglio 2024

È un noir caleidoscopico Morte a Milano. Ernest (Macchione editore) dello scrittore e sceneggiatore Antonio G. D’Errico.
Il protagonista è Dino Lenza, traduttore di galli. Dino sta completando la traduzione del thriller La morte di uno sconosciuto dello scrittore francese Jean Baptiste Monnais, la cui trama ha incredibili analogie con la sua vita. Ernest è stato vittima di uno zio pedofilo e anche nel passato di Dino c’è lo stesso spettro. Non solo, dalla descrizione che ne fa l’autore, Ernest gli somiglia moltissimo.
Ecco che i demoni di Dino tornano a tormentarlo e, per placarli, c’è un unico modo: vendicare quel passato di violenze facendosi giustizia. Quando si accorge di avere davanti un orco, Dino perde la ragione. Lo fa anche con il suo psicanalista – proprio chi avrebbe dovuto aiutarlo, è un lupo travestito da agnello. Non traduce più il libro che gli era stato affidato ma inizia a scrivere il suo thriller.
“L’autore è abile nel proporre il mistero, suscitando curiosità. Crimini, avvicendamenti, omissioni, omicidi, da chi sono compiuti? – scrive nella prefazione Michela Zanarella –  In un alternarsi di identità, tra realtà e mistero, si snoda tutta la vicenda che rende particolarmente intrigante il libro di Antonio G. D’Errico, ambientato nella nordica città scaligera. L’autore è riuscito a costruire un noir che ha tutte le caratteristiche tipiche del genere: esiste un assassino, c’è un’indagine, gli indizi e le ipotesi sembrano casuali, ma non è così, nasce una sfida per scoprire il perché, si va alla ricerca di una verità tra vendette e rancori. Si susseguono emozioni e sentimenti contrastanti. Si racconta di violenza, abusi, amore, abbandoni, possessione, nostalgia, gelosia, disagi psicologici e follia: le molteplici fragilità umane. Con un’analisi quanto mai lucida e attenta della società, D’Errico ci proietta in una dimensione in cui finzione e realtà si intersecano e si sovrappongono in un interscambio emotivo: si entra in un labirinto di pensieri e ci si trova a dover scostare il buio, a farlo affiorare per poi poterlo affrontare. La scrittura è matura, consapevole, molto visiva e cinematografica, non ci sono mai tentennamenti narrativi o eccessive forzature e pesantezze linguistiche”.
In Morte a Milano D’Errico si muove bene nei contorni del noir, con il giusto mix di suspense e particolari pulp regala al lettore pagine coinvolgenti nelle quali la violenza trova una sua giustificazione nei soprusi subiti dal protagonista.
Antonio G. D’Errico, scrittore e sceneggiatore, ha scritto numerosi saggi e romanzi, tra cui Il Discepolo (2008). Ha vinto il Premio Cesare Pavese per la narrativa, con il romanzo Montalto. Fino all’ultimo respiro, ispirato all’agente di polizia penitenziaria vittima della violenza mafiosa.
Lo scorso agosto è stato premiato nell’ambito della rassegna del gran gala delle Eccellenze Irpine – organizzato dal Comune di Monteverde (secondo borgo più bello d’ Italia) e la Proloco – nella Sezione Cultura per i suoi lavori e il suo profilo di alto spessore e livello culturale.

Rossella Montemurro
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap