mercoledì, 24 Luglio 2024

Le note di Loredana Paolicelli al pianoforte e la voce di Milena Orlandi hanno letteralmente dato vita, ieri sera a Matera presso la Scuola delle Arti di ARTEria, al romanzo d’esordio della professoressa materana Caterina Ambrosecchia “La donna giusta” (Gelosorosso edizioni). Un’interpretazione originale nell’ambito del VivaVerdi Multikulti che ha catturato il numeroso pubblico accompagnandolo tra le pagine di un libro che, in pochi mesi, ha entusiasmato i lettori e i critici – si è classificato terzo al Rende Book Festival.
“La donna giusta” racconta la storia d’amore tra Luigia e Tommaso e lo fa ripercorrendo la vicenda tra passato e presente con la caparbietà di Monica, la nipote di Luigia. Dopo la morte della nonna, Monica e sua madre Libera tornano nel paesino del Sud dove la donna ha vissuto. Mentre Libera, però, è attenta a non rivangare il passato, per Monica diventa una vera e propria ossessione cercare di scoprire qualcosa in più su questa nonna così conosciuta in paese e, al tempo stesso, così riservata che ha cresciuto da sola due figli. Monica vuole andare a fondo, vuole ricostruire la vita di Luigia. Inizia, per la ragazza, un viaggio nel passato e all’interno di se stessa che consentirà a madre e figlia di avvicinarsi riannodando le fila di tre generazioni. Il filo conduttore è rappresentato dai sentimenti, dalle sfaccettature dell’amore e dell’incredibile forza delle donne. La trama è nata dopo aver ascoltato alcune storie che le sono state raccontate anche se, ha precisato la scrittrice, è stata del tutto romanzata. L’autrice, che ha altri due romanzi pronti per essere pubblicati, ha confidato di scrivere nella dimensione del caos quotidiano, nei (pochi) momenti liberi dalle incombenze familiari e dagli impegni lavorativi: ” Il mio sogno – ha detto – è quello di andare a vivere in una casetta su un’isola greca e scrivere ascoltando solo il rumore del mare. Chissà però se in quella calma riuscirei a creare come accade nel caos… Fino ad ora, infatti, non ho mai avuto il blocco del foglio bianco, i personaggi del mio romanzo, prima di prendere forma, mi hanno accompagnata per mesi, ognuno con il proprio carattere”. Caterina Ambrosecchia è nata a Matera, dove vive e insegna Scienze umane e sociali e Psicologia. Laureata in Filosofia presso l’Università degli Studi di Bari, ha pubblicato Sedano 40, una raccolta di aforismi e brevi racconti, e Ibraforever, un manuale sul mondo del calcio e della scuola. VivaVerdi Multikulti prosegue domani alle 20 sempre presso ARTEria con “Omaggio a Rota – Duo Cornacchia Paolicelli”. In programma Bottesini Concerto n. 2; Bottesini Allegro da concerto alla Mendellsshon; Nino Rota Divertimento Concertante e Petracchi Valse Oubliee.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap