sabato, 25 Maggio 2024

È stato presentato sabato 5 febbraio nella Sala Levi di Palazzo Lanfranchi a Matera il volume Michelangelo Pentasuglia. Una vita tra colori e cartapesta di Ottavio Gurrado, amico del Maestro scomparso recentemente.

L’artista e il ruolo cruciale che Pentasuglia ha avuto con i suoi splendidi carri in numerose feste Della Bruna sono stati ricordati dalla figlia Teresa, dalla moglie Carmela, da Annalisa Persia (editing e nipote di Michelangelo) e dal presidente regionale CNA Leo Montemurro. Gli interventi sono stati moderati dal giornalista Pasquale Doria.

“L’uomo, l’artista, l’artigiano, alla soglia dei novant’anni accetta di raccontarsi. Sotto tutte le sfaccettature, pubbliche, artistiche e private. – è riportato sulla quarta di copertina del volume –  Non tralasciando nulla, o quasi. Soddisfazioni e delusioni (soprattutto per la mancata istituzione di una scuola della cartapesta). Gioie e dolori. Il suo non è un desiderio di bilanci ma, anche un po’ romanzando, gli piace ricordare quei momenti di lotta per la sopravvivenza e di passione per quei colori che lo attraevano sin da piccolo. Lo fa con la speranza che, quella voglia che lui ha messo nel voler, a tutti i costi, imparare quel mestiere (poi trasformatosi in arte) venga recepita dalle giovani generazioni. Che si rendano conto che, solo con l’applicazione, il sacrificio, la passione, si possono realizzare i propri desideri. I propri progetti. Si emoziona quando parla delle sue creature. Dalla realizzazione della materia prima, alla realizzazione dei manufatti. Quei manufatti, apprezzati nel corso degli anni, che hanno impreziosito la Festa tanto amata dal popolo materano. Testimoni silenziosi di un’arte tanto affascinante, quanto antica. Di una Festa tanto antica, quanto affascinante.”

Autore di 13 carri trionfali della Bruna, Michelangelo Pentasuglia si è spento a 87 anni il 4 gennaio scorso.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap