sabato, 13 Luglio 2024

È Niccolò Ammaniti con La vita intima (Einaudi) il vincitore della 94° edizione del Premio Letterario Viareggio-Rèpaci per la categoria narrativa. Ad annunciarlo è stato ieri sera il presidente di giuria Paolo Mieli che ha consegnato all’autore romano il prestigioso riconoscimento, il secondo della sua carriera, dopo quello del 2007 per Io non ho paura.

Nel corso della cerimonia di premiazione condotta dalla giornalista del TG1 Monia Venturini sono stati protagonisti anche gli altri finalisti per la narrativa – Sapo Matteucci con Per futili motivi (La nave di Teseo) e Giosuè Calaciura con Una notte (Sellerio) – oltre ai premiati Vivian Lamarque con L’amore da vecchia (Mondadori) per la poesia e Francesco Piccolo con La bella confusione (Einaudi) per la saggistica. E ancora, i premi speciali Gian Arturo Ferrari (Premio Internazionale), Nona Mikhelidze (Premio Giornalistico) e Pietro Santetti (Premio Opera Prima). Il Premio Viareggio-Rèpaci è organizzato con il sostegno del Comune, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e di iCare.

Foto in copertina dalla pagina Facebook del Comune di Viareggio

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap