sabato, 20 Luglio 2024

L’Accademia Appulo Lucana di Medicina Legale e delle Assicurazioni (AALMLA) è una associazione culturale con sede presso l’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Bari che da molti anni svolge attività dirette a promuovere e favorire aggiornamenti in medicina forense ed assicurativa, criminologia e gestione del rischio clinico.

Scopo della società scientifica è contribuire al progresso del diritto ed al perfezionamento della legislazione sociale e di tutelare il prestigio della medicina legale assicurativa e criminologica.

Possono essere ammessi a far parte dell’associazione, con la qualifica di socio ordinario, tutti coloro che, in possesso di diploma di laurea in medicina e chirurgia, odontoiatria, professioni sanitarie, giurisprudenza, siano specialisti o cultori della medicina legale e delle assicurazioni previa specifica domanda al consiglio direttivo.

Le ultime elezioni per la composizione del consiglio direttivo hanno visto ricadere la scelta della presidenza sul Dottor Aldo di Fazio, direttore della struttura regionale complessa di medicina legale lucana con sede presso l’Aor San Carlo di Potenza.

Oltre al presidente sono stati eletti in qualità di vice presidenti i professori Biagio Solarino e Antonio De Donno, segretario il professor Davide Ferrorelli, tesoriera la dottoressa Federica Mele, consiglieri il professor Gabriele Mandarelli e la dottoressa Michela Ferrara quest’ultima specialista medico-legale presso l’ASP.

Probi Viri: il Dottor Leonardo Vitale, il dottor Bruno Morgese e la dottoressa Francesca Donno.

L’obiettivo principale che il Direttivo, neo eletto, ha condiviso nella prima riunione del Consiglio è stato la volontà di ampliare la rete dei professionisti iscritti e di creare una comunità Appulo Lucana di appassionati a tutte le tematiche della medicina legale.

Un vasto calendario di eventi formativi e congressuali alternato a momenti di socialità e culturali caratterizzeranno il programma dell’Accademia per il prossimo triennio.

Un lavoro di squadra e la volontà di creare una rete interregionale, multi professionale e multidisciplinare, con momenti di confronto con i principali stakeholder della medicina legale (Tribunali, assicurazioni sociali e private, servizio sanitario, forze dell’ordine, associazioni di volontariato) saranno gli elementi principali dell’attività del nuovo consiglio direttivo.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap