sabato, 20 Luglio 2024

Foto di Stefania Morelli
“Le persone che ti amano ti amano subito, ti amano sempre. Ti amano comunque vada. E non rischiano di perderti. Perché le cose che proteggi nel cuore non le perdi mai…”
L’amore secondo lo scrittore Roberto Emanuelli, in Buonanotte a te (Rizzoli) è assoluto, avvolgente, puro. Non scende a compromessi e non ha mezze misure. È quello che Sally, la protagonista, disperatamente cerca anche se si potrebbe accontentare di una vita “da favola” che tanti le invidiano. Frequenta il penultimo anno del liceo classico in un istituto privato d’élite.  Il padre è un economista che è stato viceministro delle Finanze e “pensa che tutto sia legato al denaro, che tutto si possa ottenere con il denaro”. Lei stessa è fidanzata con Andrea, rampollo della Roma-bene, in sintonia con il papà in quanto a concezione della vita, con un’ipotetica scala di valori decisamente sottosopra: al primo posto i soldi, il potere, lo status poi l’amore, i sentimenti, il rispetto.
Sally, da ragazza innamorata, sopporta, nonostante quel vuoto che la spinge a diffidare, fino a quando non trova una forza pazzesca e prende una decisione drastica in nome della libertà. Soffre, soffre tantissimo – pervasa da quel dolore sordo che solo quando siamo costretti a lasciare qualcuno che abbiamo amato molto anche se ci ha corrisposto solo con briciole -, va avanti circondata dall’affetto degli amici, prova a scommettere ancora sull’amore, quello vero – sempre con quel peso addosso che non le dà tregua.
Avrebbe potuto chiudere gli occhi, far finta di niente e tenersi strette le vacanze da sogno, l’aura di esclusività che permea certi ambienti. Invece no: “Io non voglio morire dentro lentamente e, senza rendermene conto, a un certo punto ritrovarmi in un coma emotivo da cui nessuno potrà salvarmi!”. Si porta dentro l’esempio della madre, una stimata professionista che però si è “spenta”, boicottata dall’anaffettività del marito.
Sally è una guerriera, dimostra di volersi bene, dimostra che la libertà non ha prezzo. E che i nostri sogni, parafrasando Roberto Emanuelli – la sua penna è magica nel raccontare sia il percorso della ragazza sia quello di tutti gli altri indimenticabili protagonisti di Buonanotte a te -, dobbiamo inseguirli a testa alta. Sempre.
Rossella Montemurro

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap