Siamo nell’epoca delle serie TV, eppure Gilmore Girls rimane ancora la mia serie preferita.

Può darsi che io sia di parte, è vero. Tutti sanno che il personaggio di Alexis Bledel, Rory, era talmente simile a me e la sua storia, per certi aspetti, così simile alla mia, che è impossibile che io parli male del plot.

Tuttavia, nel vedere i quattro episodi del sequel, ho potuto confermare – con una certa soddisfazione – che ciò che ho visto da adolescente non è stato sempre spazzatura.

Gilmore Girls, contiene infatti molti riferimenti alla cultura americana: nomi di attori, personaggi famosi, musical e citazioni di film ci sono in continuazione e rendono i dialoghi molto divertenti, anche per chi i 18 anni li ha passati da un po’.

Si potrebbe ritenere inverosimile che una persona parli citando ogni due per tre qualcosa, ma è proprio questo a rendere così unica e stravagante la serie, assieme alla fantasiosa ambientazione, Stars Hollow, piena di personaggi così «improbabili»: c’è Kirt, lo zimbello tuttofare del villaggio, la severissima Signora Kim, le pettegole Patty e Babette o il cittadino modello Taylor, sempre in cerca di qualcosa da promuovere per il bene della città.

Potrebbero sembrare tutti un po’ irreali o un po’ steroeotipati, ma, a ben guardare, in ogni storia, romanzo o film con una vena ironica che si rispetti, i personaggi devono essere ben “calcati” nelle loro caratteristiche per diventare portatori di un qualche messaggio.

Ed è ciò che Gilmore Girls esattamente fa: rendere ogni personaggio una sorta di cliché per farne portatore delle ossessioni o di quei valori, a volte esasperati, del nostro tempo: si pensi all’ambiziosa e competitiva Paris, che vuole trasudare successo ad ogni passo, e cammina portandosi dietro una ventiquattrore vuota pur di far capire al mondo che è una donna importante, o alla stessa Emily Gilmore, emblema di quella ricchezza che con i soldi può tutto, e che per rendere Luke, all’altezza della sua benestante famiglia, vuole a tutti costi fargli aprire un franchising, anche contro la sua volontà.

Ma ciò che ho apprezzato di più del sequel, è che ha davvero raccontato come è andata a finire, adeguandosi ai tempi, per come sono cambiati.

Mi aspettavo, infatti, un lieto fine (come spesso accade nei film americani, così pieni di ottimismo) con una Rory realizzata, famosa e sposata con figli, e invece ho ritrovato esattamente ciò che molti della nostra generazione, cresciuti con il suo personaggio, sono diventati: precari, a volte costretti a tornare a casa tra un lavoro e l’altro, perché sottopagato o non pagato affatto, sospesi in relazioni che non prendono una via, il tutto nonostante le ottime premesse con le quali si è tentato di costruire il proprio futuro, fin dal liceo. Ed è qui, a mio parere, il punto di forza delle quattro puntate del sequel: al contrario di quello che è accaduto nel terzo atto di Bridget Jones, dove risulta difficile  identificarsi in un personaggio, che seppur ancora molto divertente, perde la sua presa nel distribuirsi tra Colin Firth e Patrick Dempsey, Rory ci ha seguito davvero fino ai nostri giorni, ed è cresciuta, esattamente, nel modo in cui abbiamo dovuto farlo noi.

Rossella Ciarfaglia

Pubblicità
Pubblicità

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap