Auto rubate in Italia venivano vendute come provenienti dall’estero. Scattano le manette anche per due policoresi

Con l’accusa di ricettazione, riciclaggio, falso, occultamento e distruzione di documenti e targhe sono finiti in manette due policoresi, un 39enne e un 36enne,insieme a tre piemontesi.
I cinque riciclavano auto rubate, facendole apparire come vetture estere attraverso documenti di circolazione recuperati in modo fraudolento in Spagna, Francia e Germania e falsi contratti di vendita.
Così “ripulite”, le vetture erano poi rimesse in commercio, non solo attraverso canali minori, ma anche attraverso autosaloni dell’area metropolitana torinese.
Il traffico è venuto alla luce grazie ai risultati dell’indagine svolta dalla Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale “Piemonte e Valle d’Aosta” di Torino, dopo un primo sequestro di un’autovettura risultata oggetto di riciclaggio.
L’operazione ‘Olè’, dopo questo primo sequestro, ha portato gli agenti a individuare un uomo residente a,Policoro e il titolare di un autosalone della provincia di Torino: proprio i due che avevano venduto l’auto oggetto di riciclaggio ad un ignaro acquirente.
Le indagini si sono così allargate facendo emergere altre persone, lucane e piemontesi, che, con ruoli diversi, facevano parte del gruppo e si dedicavano a questa attività illecita. Sono state accertate responsabilità nei confronti di un totale di sei persone.
Durante le perquisizioni, i poliziotti hanno trovato una macchina rubata e ‘camuffata’ nei dati identificativi, chiavi di autovetture, falsi documenti di circolazione e di compravendita.
Le manette sono scattate ieri mattina, con l’aiuto del personale della Sezione Polizia Stradale di Matera e del Distaccamento Polizia Stradale di Policoro.

Pubblicità
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap