Che sta succedendo a Matera? Un gruppo eterogeneo si sta muovendo misteriosamente facendo domande, girando video, accumulando memorie del passato per un possibile futuro. 

Nell’ambito del progetto Tools for After (https://www.toolsforafter.com/) il gruppo ADI – Associazione per il Design Industriale di Puglia e Basilicata promuove un incontro online per rispondere a queste domande:

– Quali saranno gli strumenti per “il dopo”?
– Cosa è utile progettare ai tempi dell’Antropocene?

Il progetto, tenendo conto delle peculiarità di Matera, ha portato a definire un percorso articolato in quattro fasi concettuali, ovvero:

la raccolta di materiale documentario e in particolare di video testimonianze sul patrimonio di conoscenze e saperi tradizionali nei temi selezionati

una attività di divulgazione e promozione dei contenuti raccolti

il lancio parallelo di un “contest” con cui sollecitare il contributo dei cittadini attraverso la proposta di soluzioni e/o prodotti innovativi legati ai temi e ai contenuti di base

la selezione e la eventuale “prototipazione” delle soluzioni e/o prodotti “vincenti”

Intorno a questi temi l’idea di fondo è raccogliere e riscoprire tutte quelle competenze “antiche” che si vanno progressivamente perdendo e che nell’assunto del format potrebbero diventare alternativamente indispensabili nel caso distopico di una gravissima crisi (energia, guerra, pandemia, riscaldamento globale…) oppure risorsa e ispirazione nel caso eutopico di un nuovo mondo dallo sviluppo sostenibile e “umano”.

Raccogliere e documentare questi saperi è dunque il primo passo per quel percorso di riscoperta, di consapevolezza e di ispirazione su cui impostare il contest. La raccolta successiva di idee, proposte, visioni potrà successivamente diventare la base per una ricca attività laboratoriale in cui – in un’ottica di “design” – questi “prodotti” si possano elaborare e prototipare.

Oggi, Giovedì 30 luglio, ore 19, per collegarsi, ovunque voi siate:
https://us02web.zoom.us/j/4861481374?pwd=VGVReWdFY3FQOVVrblUvNEZhdXpHdz09

Meeting ID: 486 148 1374
Password: 9x2W8n

L’incontro online sarà animato da:

Guido Santilio

Dora Capozza

Luca Colacicco

Nico Colucci

Vito Epifania

**********************

L’ADI riunisce dal 1956 progettisti, imprese, ricercatori, insegnanti, critici, giornalisti intorno ai temi del design: progetto, consumo, riciclo, formazione. È protagonista dello sviluppo del disegno industriale come fenomeno culturale ed economico.

Il suo scopo è promuovere e contribuire ad attuare, senza fini di lucro, le condizioni piu appropriate per la progettazione di beni e servizi, attraverso il dibattito culturale, l’intervento presso le istituzioni, la fornitura di servizi.

Per l’ADI il design è la progettazione culturalmente consapevole, l’interfaccia tra la domanda individuale e collettiva della società  e l’offerta dei produttori.

Interviene nella progettazione di prodotti, servizi, comunicazione visiva, imballaggio, architettura d’interni, e nella progettazione ambientale.

Il design è un sistema che mette in rapporto la produzione con gli utenti occupandosi di ricerca, di innovazione e di ingegnerizzazione, per dare funzionalità , valore sociale, significato culturale ai beni e ai servizi distribuiti sul mercato.

**********************

ToolsForAfter è un laboratorio di idee per il dopo.
Immaginare il dopo.

Una chiamata alle armi per designer e architetti e non solo, per
chiunque abbia soluzioni, progetti, fantasie, modelli, strumenti che
possano rivelarsi  utili nel nuovo scenario dell’Antropocene. È un appello
all’utopia, a sviluppare l’immaginario, a proporre idee.

ToolsForAfter è un manuale di sopravvivenza per le prossime trasformazioni
del mondo, un atlante di soluzioni, un ventaglio di strategie.

ToolsForAfter domanda, immagina, inventa.
ToolsForAfter, pratiche di resistenza collettiva.

Il team TFA è composto da: architetti, designer, saggisti,
paesaggisti e studenti.

Pubblicità
Pubblicità