venerdì, 14 Giugno 2024

 
L’inquinamento
da plastica continua a colpire le specie marine. Questa volta è accaduto a
Rosaria, una tartaruga Caretta caretta di 20 chili e lunga 52 cm, che giovedì
28 febbraio è stata ritrovata dalla Guardia Costiera al largo di Maratea. L’animale
galleggiava in modo anomalo: non riusciva a immergersi e il suo corpo pendeva
verso destra, per questo i membri della capitaneria di porto hanno avvertito
subito il gruppo operativo del WWF Maratea.
La
biologa Valentina Paduano e il veterinario Massimo Lo Monaco hanno verificato
subito le condizioni della Caretta caretta, che è ora ospite del Centro
recupero tartarughe marine nell’Oasi WWF di Policoro. 

è stata prima sistemata in acqua molto bassa, per permetterle di riadattarsi
alle temperature e poi spostata in una vasca con acqua più alta, dove anche
gli esperti hanno potuto osservare le anomalie nel nuoto della tartaruga.
 
 
“Quando
le tartarughe galleggiano in questo modo, o si tratta di un problema ai
polmoni, oppure hanno ingerito plastica- spiega la biologa Valentina Paduano-.
Per capire cosa avesse era necessaria una radiografia, eseguita alla clinica
veterinaria di Bari, che fortunatamente ha escluso problemi agli organi”.
Doveva
essere stata proprio la plastica a danneggiarla e poco dopo, dalle sue feci,
è arrivata la conferma: Rosaria aveva ingerito un involucro di plastica
tipico dei pacchetti di sigarette e forse, nel suo intestino, ci sono altri
frammenti plastici che dovrà espellere. 
 
Ora
Rosaria resterà in osservazione al centro di recupero di Policoro e verso la
primavera, quando il clima sarà più mite e avrà riacquistato pienamente le
forze, sarà liberata e potrà tornare a nuotare in mare.  
Dall’inizio
dell’anno è stata lei la prima tartaruga recuperata nella zona di Maratea,
mentre nel 2018 sono state quattro quelle recuperate, sempre in quella
zona. 
Ormai
circa il 90% delle tartarughe che vengono trovate in situazione di difficoltà
e trasferite nei centri di recupero hanno ingerito plastiche o
microplastiche.
 
Secondo
il recente report del WWF “Responsabilità e rendicontazione, le chiavi per risolvere
l’inquinamento da plastica”
, poiché i consumi di plastica e la capacità
di gestione dei rifiuti non procedono alla stessa velocità, la dispersione di
plastica negli oceani rimarrà di oltre 9 milioni di tonnellate l’anno fino al
2030. Questa presenza massiccia negli ecosistemi rappresenta una minaccia per
la fauna selvatica ed è responsabile di gravi impatti diretti: sono oltre 270
le specie animali vittime dell’intrappolamento in reti da pesca abbandonate e
in altri rifiuti plastici e 240 le specie che presentano rifiuti plastici
nello stomaco. Questo è un enorme problema per la salute dell’ecosistema
marino, ma anche per quella dell’uomo.
 
Per
combattere contro la sempre più grave emergenza plastica serve una grande
mobilitazione e per questo il WWF Italia invita a sottoscrivere la petizione
globale per chiedere ai Paesi delle Nazioni Unite di stipulare un Accordo
globale che ponga fine alla dispersione di plastica in natura entro il 2030. 
 

 
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap