sabato, 22 Giugno 2024

Alla ricerca di sua maestà il tartufo

Il Bianco pregiato, il Nero pregiato, il Brumale, lo Scorzone, il Marzuolo, l'Uncinato: benvenuti tra le specie calabresi di sua maestà il tartufo. D'estate, come sottolinea il tartufaio Bruno Minerba di Marconia di Pisticci, si va a caccia sull'Appennino...

Città
Silenti è la mostra di Michele Volpicella con il patrocinio di Matera 2019 Open
Future a cura di Avangart di Sebastiano Pepe e Nicolò Giovine, esposta a
Matera, presso la Fondazione Sassi, Via San Giovanni Vecchio 24. La mostra è un
omaggio alla città di Matera in occasione del suo riconoscimento a Capitale
Europea della Cultura 2019. La
mostra, inaugurata domenica 14 aprile 2019, resterà aperta al pubblico fino al
30 settembre 2019.
Quella
domenica, il professor Francesco Lenoci, docente Università Cattolica del Sacro
Cuore di Milano, ha concluso il suo intervento con le seguenti parole:
“L’opera
pittorica di Michele Volpicella crea linguaggi universali, fa poesia, produce
bellezza. Matera
2019 deve essere costruttore di bellezza, portatore sano di bellezza, per
contagiare il mondo.
Ebbene,
il silenzio che aleggia sui sassi dipinti da Michele Volpicella amplifica il
suo messaggio pittorico, aumenta la valenza del suo messaggio pittorico e,
quindi, i confini del contagio in termini di bellezza operato da Matera 2019”.
Ciò
premesso, uno dei segni più eloquenti della cultura è quello dell’andare
incontro. Al riguardo Avangart porterà in esclusiva una selezione di opere del
maestro Volpicella che rendono omaggio a Matera 2019 anche a Milano, dal 23
maggio 2019, presso “Felix Lo Basso Restaurant”, il ristorante stellato che
illumina Piazza Duomo.
Vernissage
d’inaugurazione: giovedì 23 maggio 2019, ore 18:00.

Durante la serata il maestro Michele Volpicella e lo chef Felix Lo Basso
interagiranno fondendo l’arte pittorica con quella culinaria, proponendo delle
originali creazioni. Nei piatti dello Chef molfettese, ma ormai conosciuto in
tutto il mondo, si potranno ritrovare i colori delle eccellenze enogastronomiche
pugliesi, rivisitate in una chiave moderna, al passo con i tempi. Un mix di
colori, sapori e saperi da gustare prima con gli occhi poi con il palato.
L’arte nel piatto, nel bicchiere e sulla tela in una prestigiosa location.

Il
tutto sarà accompagnato dall’estro del barman Devis D’Ercole, che mixerà i
colori delle bevande riproducendo le tonalità delle opere del maestro
Volpicella.
 CENNI
BIOGRAFICI MICHELE VOLPICELLA
Michele
Volpicella ha approfondito la sua formazione artistica presso l’Accademia di
Belle Arti di Bari. Ha frequentato le lezioni di Hector Saunier direttore
dell’Atelier Contrepoint de Paris e del maestro cinese Zhang Huinan direttore
del Beijing Chinese Character e del City Calligraphy Institute. Descritto dai
critici come soggetto dotato di realistica e spiccata sensibilità cromatica,
per cui le sue tele tendono a staccarsi dalla figurazione abituale, acquistando
pregio nei colori come nelle stesse sceneggiature ricche di echi nordici,
avvolte e sospese in un’atmosfera silente che potremmo definire metafisica. È
presente in collezioni pubbliche e private. Dal
2018, a cura di Avangart di Nicolò Giovine e Sebastiano Pepe, ha iniziato un
percorso per la realizzazione del progetto per Matera Capitale della Cultura
2019 dal titolo “Le Città Silenti – Racconti a Colori”. La
selezione di opere del maestro Volpicella raffigura il paesaggio materano nelle
sue diverse sfaccettature cromatiche in chiave Neo Metafisica, con una
particolare attenzione alla tecnica di lavorazione delle tele, trattate con
polvere di tufo e di pietra e successivamente dipinte con accurata prospettiva
geometrica ed un’armonia cromatica che caratterizza la loro peculiarità.

La
cifra stilistica di Michele Volpicella è ormai diventata una firma
inconfondibile: la sequenza quasi aritmetica dei tetti, la peculiare tavolozza
cromatica, le finestre mute, l’assenza di figure umane, sono alcuni degli
elementi che caratterizzano le sue opere, capaci di attirare un sempre maggior
successo di pubblico e critica.

Si
meraviglia l’occhio dell’ammiratore osservando le compiture, l’architettura
patinata, le giravolte di luce proiettandosi, quasi di soppiatto, in
quell’orizzonte tipicamente volpicelliano fatto di colori e sensi, di fiducia e
amori d’abisso, di case e casette che parlano, salendo, le une sulle altre, da
un fondo tinta universale verso l’immensità della volta celeste.

Sensibilità
e pietas distinguono queste tele, come pure c’è misticismo e fede, quella
dell’eternità e quella dell’arte. Ecco perché, ora, lo sguardo di chi ammira
s’infila nei meandri delle case color del pane, color del mare, color del
pettirosso.

Le
case, le pareti, i tetti, ancora le giravolte, le porte, le finestre, gli
angoli dipinti da Michele Volpicella sono così intrisi di umanità, che
immediatamente lasciano percepire la presenza della comunità che contempla. È
questa la forza dell’artista, di questo poeta dell’immagine, che sogna e
dipinge con l’ispirazione di uno celestiale di coscienza.

 CENNI
BIOGRAFICI FELIX LO BASSO
Felice
Lo Basso nasce a Molfetta nel 1973 e compie il suo apprendistato in grandi
ristoranti gourmet in Italia e all’estero. Nel 2011 viene insignito della
prestigiosa stella Michelin. Dotato di uno stile raffinato, sempre in gioco tra
creatività e ricerca, fà della qualità e del rispetto delle materie prime il
suo punto di partenza.
La
sua cucina è nata al mare ed è cresciuta in montagna: il trait d’union è la
ricerca dei prodotti di qualità, la voglia di sperimentare forme e colori, di
mixare i gusti. Nel suo ristorante Felix Lo Basso offre una cucina di alto
livello, sofisticata nell’elaborazione dei piatti ma con forti ancoraggi alla
tradizione e alle materie prime italiane. Intuizione, fantasia, innovazione e
creatività sono i pilastri della sua proposta enogastronomica.
FELIX
LO BASSO RESTAURANT
Felix
Lo Basso Restaurant è situato all’ultimo piano della Galleria Vittorio Emanuele
II, che si affaccia sul simbolo per eccellenza della città di Milano: il Duomo.
Felix
Lo Basso Restaurant incanta con una delle fotografie più magiche del capoluogo
lombardo, avvolgendo in un’atmosfera creata per accogliere e stupire con
finiture curate in ogni dettaglio.
Felix
Lo Basso ha scelto questo luogo come casa per la sua cucina, che ospita 60
posti a sedere (35 interni, 25 in terrazza), proprio al fine di esaltarla con
un’esperienza che coinvolga tutti i sensi.
La
mostra è accompagnata da un catalogo monografico con un vasto repertorio di
immagini e testi a cura di Francesco Lenoci, Fiorella Fiore, Maurizio Nocera,
Enzo Quarto e Paolo Levi.

 
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap