domenica, 21 Luglio 2024

“Su piazza
della Visitazione c’è un colpevole e gravissimo ritardo”. Lo ha detto il
ministro Barbara Lezzi, oggi in città per la seconda volta in meno di un mese,
annunciando che sul progetto di riqualificazione di piazza della Visitazione il
ministero per il Sud metterà in mora il Comune di Matera.
Il ministro ha
ricordato che con il sindaco era stata “fatta una promessa alla città:
tutto l’iter per avviare le gare doveva essere concluso entro il 30 luglio, ma
così non è e quindi abbiamo deciso di mettere in mora il Comune. Avrei voluto –
ha aggiunto – evitare di avviare i poteri sostitutivi. Non ho però avuto la
collaborazione da parte del sindaco, se invece ci sarà un’accelerazione da
parte sua sarà la benvenuta”.
“Ritengo – ha
proseguito il ministro per il Sud – che questo sia un lavoro che debba essere
fatto dal sindaco e dal Comune di Matera: il sindaco ha legittimamente
sollevato questioni di natura politica, ma io ritengo che – ha concluso Lezzi –
le questioni politiche e di palazzo non debbano assolutamente interferire con
la soddisfazione di un bisogno della città di Matera”. 
Matera Capitale
europea della Cultura 2019 “è una grande occasione che non deve essere
sprecata”. Così, in una conferenza stampa, il ministro per il Sud, Barbara
Lezzi, evidenziando che «l’Italia intera sarà una vetrina internazionale. Non
parliamo di un piccolo evento che avrà poche ripercussioni: qui ne risponde
tutto il Paese”.
Per il primo
cittadino Raffaello De Ruggieri si tratta di una violazione dell’autonomia
dell’ente territoriale, “una situazione inesplorata che vedremo come evolverà”.
Rispondendo alle
domande dei giornalisti sulla situazione politica al Comune di Matera – dove da
alcuni giorni è in carica una nuova giunta – e alla Regione Basilicata – con il
governatore Marcello Pittella (Pd) ai domiciliari dallo scorso 6 luglio – Lezzi
ha detto di augurarsi che “tutte le dinamiche politiche vengano superate
dal benessere dei cittadini e dall’onore, dall’orgoglio e dalla fierezza che i
cittadini di Matera e del Sud devono portare a livello internazionale”.
In una nota, la
vicepresidente della Regione Basilicata, Flavia Franconi, sottolinea che
“la Regione Basilicata ha sostenuto sin dal principio il cammino di Matera
2019 attraverso l’erogazione di ingenti risorse economiche, nazionali e
comunitarie, e promuovendo incontri di coordinamento, in primis gli Stati
generali, tra i diversi soggetti istituzionali coinvolti”. Lo
sostiene, 
Franconi, che fa
le funzioni di presidente della Regione dopo gli arresti domiciliari del
governatore Marcello Pittella (Pd), ha aggiunto di “auspicare la massima
collaborazione tra i soggetti coinvolti nel percorso di lavoro che ci sta
accompagnando all’appuntamento con il 2019. Se ci sono elementi da
approfondire, correttivi da apportare si proceda pure in un clima sereno,
necessario per ottenere il miglior risultato possibile. Dobbiamo essere
consapevoli della grande responsabilità che abbiamo di fronte alla storia:
stiamo per mettere la Basilicata e il Mezzogiorno sul palcoscenico d’Europa e
del mondo. Al termine della conferenza stampa – ha concluso Franconi – mi sono
intrattenuta con il ministro Lezzi in un clima di grande cordialità: considero
i suoi continui stimoli legati al 2019 apprezzabili e sono certa che
contribuiranno a favorire i risultati tanto attesi dai cittadini e dalle
istituzioni del Sud”.
Il ministro ha
visitato oggi anche l’azienda di Matera, Calia Italia, leader nella
produzione di mobili imbottiti, incontrando il vertice di Calia
Italia– Giuseppe Calia, Direttore Generale Amministrazione e
Vendite – e confrontandosi sullo sviluppo delle eccellenze imprenditoriali
della Basilicata. Il ministro ha apprezzato il design e l’innovazione
tecnologica a servizio di un prodotto completamente artigianale e ha elogiato
la capacità dell’azienda di fare impresa non perdendo di vista il proprio
impegno sociale in ambito di ricerca scientifica, sostegno dei giovani talenti,
supporto alle scuole grazie ai progetti di alternanza scuola lavoro, promozione
di eventi culturali interni ed esterni all’azienda, collaborazioni con
associazioni no profit. L’appuntamento è stato anche occasione per fare
riferimento alle questioni delle politiche di sostegno necessarie allo sviluppo
del territorio, al potenziamento delle infrastrutture e all’accesso al credito.
 Ha
dichiarato il ministro Lezzi, durante l’incontro: “Sono consapevole del
fatto che il comparto in questo territorio ha attraversato un terribile crisi.
Voi siete qui a testimoniare un’eccellenza che ha resistito ma tanta parte di
quel patrimonio non ce l’ha fatta. Se tornare indietro non è possibile,
possiamo e dobbiamo guardare avanti per ripartire. Matera e la Basilicata
devono allora poter puntare di più e meglio anche su altri settori: penso alle
nuove tecnologie, all’enogastronomia, al turismo: tutti settori che vanno
valorizzati di più, soprattutto se messi a sistema. Questo non significa
affatto non sostenere le imprese e le produzioni di qualità e questo governo è
dalla parte di imprenditori e lavoratori. Prima di tutto il tessuto
imprenditoriale ha bisogno di infrastrutture che qui ancora mancano e che noi
vogliamo realizzare”.
 “Sono molto
onorato che la ministra abbia visitato la nostra azienda – ha
commentato Giuseppe Calia –  realtà materana simbolo
dell’eccellenza italiana e che vanta anche una presenza internazionale in oltre
80 Paesi nel mondo. Mettiamo a disposizione del Ministero del Sud il nostro
know-how perché possa divenire fonte di ispirazione per lo sviluppo industriale
delle realtà locali”. (nella foto in basso, da sinistra Marienza Calia, Giuseppe Calia, Barbara Lezzi e Roberto Caputo)
 
 
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap