lunedì, 15 Aprile 2024

Patto di amicizia tra Matera e Greccio (Ri) sulla tradizione presepiale

Matera è tra le città protagoniste oggi (13 aprile) alla “Festa delle città gemellate”, che si svolge nel comune rietino di Greccio dove è stato realizzato il presepe di San Francesco, il più antico d’Italia con i suoi 800 anni. Un’occasione preziosa per coinvolgere...

La Polizia di Stato di Matera ha arrestato in flagranza un giovane materano, per il reato ipotizzato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Notevole il quantitativo di droga sequestrata, pari a un chilo e 491 grammi di hashish, oltre a 2 grammi di cocaina.

L’attività di polizia giudiziaria è stata svolta dalla Squadra Mobile, nell’ambito di specifici servizi di contrasto al fenomeno dello spaccio di droga, condotti in questo capoluogo.

In serata, gli investigatori hanno notato un’autovettura che li ha insospettiti: pertanto, hanno iniziato a seguirla. Dopo aver compiuto alcuni giri in città, l’auto ha imboccato improvvisamente la strada in direzione di Altamura, per poi ritornare nel capoluogo, trascorso un po’ di tempo.

Gli agenti hanno allora deciso di procedere a una verifica, fermando il veicolo. In quel momento, il passeggero, 22enne, avrebbe cercato di disfarsi di due involucri, lasciandoli cadere sul tappetino all’interno dell’abitacolo. Il gesto non è sfuggito agli attenti poliziotti, i quali hanno prontamente recuperato i due involucri, notando che contenevano cocaina.

L’attività è proseguita con una perquisizione condotta a casa del ragazzo, dopo che quest’ultimo aveva cercato di far credere di abitare in un’altra casa, senza però riuscire nell’intento.

Nell’appartamento del giovane, sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro un consistente quantitativo di hashish: un chilo e 491 gr, in parte già suddiviso in dosi, nonché due bilancini elettronici di precisione e materiale idoneo al taglio e al confezionamento della droga.

All’esito dell’attività, il giovane è stato arrestato e sottoposto a custodia cautelare in carcere, misura convalidata dal Gip, che successivamente ha disposto gli arresti domiciliari.

Gli accertamenti compiuti nei suoi confronti sono nella fase delle indagini preliminari, che necessita della successiva verifica nel contraddittorio con la difesa.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap