giovedì, 29 Febbraio 2024

“Ritratti di Matrimoni”, una mostra inedita a Matera

 Dal 12 al 16 marzo, nelle scuderie di Palazzo Malvinni Malvezzi sarà ancora una volta protagonista la fotografia di matrimonio d’autore. In occasione della Convention annuale di ANFM, unica Associazione italiana di fotografi matrimonialisti, Maurizio Beucci,...

Il direttore generale dell’Asl di Bari, Vito Montanaro, ai domiciliari dallo scorso 6 luglio nell’ambito dell’inchiesta sulle raccomandazioni e sui concorsi truccati nella sanità lucana – ha «rivendicato la sua totale estraneità a qualsivoglia fatto di reato». Lo ha detto ieri l’avvocato Giuseppe Modesti al termine dell’interrogatorio di garanzia. Il legale ha chiesto la revoca della misura cautelare.

Durante l’interrogatorio, durato circa due ore, Montanaro «ha risposto a tutte le domande che – ha aggiunto Modesti – gli sono state poste e ha anche dato spiegazioni sulle rarissime intercettazioni che lo coinvolgevano, ribadendo la sua assoluta liceità e legittimità nella condotta nell’ambito della gestione dell’Asl. Anche perché – ha continuato – se c’è un equivoco in questo processo è che si parla di scandalo che riguarda l’Asl di Bari quando le intercettazioni riguardano esclusivamente l’Asl di Matera. Per quanto riguarda la posizione del direttore Montanaro – ha concluso l’avvocato – il concorso da dirigente presso l’Asl di Matera non ha nulla a che vedere con la gestione dell’Asl di Bari e della Regione Puglia».

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap