giovedì, 29 Febbraio 2024

“Ritratti di Matrimoni”, una mostra inedita a Matera

 Dal 12 al 16 marzo, nelle scuderie di Palazzo Malvinni Malvezzi sarà ancora una volta protagonista la fotografia di matrimonio d’autore. In occasione della Convention annuale di ANFM, unica Associazione italiana di fotografi matrimonialisti, Maurizio Beucci,...

Nella tarda serata di ieri, i militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Potenza, in  servizio di perlustrazione per la repressione dei traffici illeciti, sono intervenuti in località
Sasso di Castalda, individuando una porzione di terreno utilizzata per la coltivazione di  piante di canapa indiana.
I finanzieri avevano da qualche tempo acquisito elementi circa la possibile presenza di  piccole piantagioni di marijuana realizzate in luoghi difficilmente accessibili, concentrando
la loro attenzione verso i movimenti di consumatori di sostanze stupefacenti.
L’area utilizzata per l’illecita coltivazione, delimitata da una rete metallica e individuata dopo  capillari azioni di controllo del territorio, è posta ad una quota piuttosto elevata (circa mt. 1000 di altitudine) in una zona impervia, a distanza di circa un chilometro dal centro abitato.
Il sito, inoltre, era raggiungibile solo attraverso strade interpoderali. L’osservazione era resa,  altresì, più difficoltosa dalla presenza di un muro realizzato con pietre a secco.
In pochi metri quadrati erano state concentrate ben 356 piante di varia grandezza e di  altezza compresa tra 120 e 20 centimetri, sottoposte a sequestro. Tale circostanza fa  ritenere che l’”orto” sia stato allestito inumando le piante in fasi successive, in modo tale da
garantire la fruizione di sostanze stupefacenti per un arco temporale più esteso.
Il responsabile di tale illecita attività è risultato essere il medesimo proprietario dell’area, un  incensurato del luogo di circa 40 anni, tratto in arresto per violazione al Testo Unico sugli Stupefacenti e posto alla detenzione domiciliare, la cui abitazione è ubicata a poche  centinaia di metri dal terreno. La perquisizione domiciliare effettuata nell’immediatezza, ha consentito il rinvenimento di 80 grammi di marjiuana e di un bilancino di precisione.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap