venerdì, 12 Luglio 2024

 
Nel pomeriggio di oggi, undici ottobre 2017, personale della Polizia di
Stato in servizio presso il Commissariato di PS di Policoro (MT), ha proceduto
all’arresto di un 51enne rumeno gravato da una ordinanza di
custodia cautelare emessa dal gip di Massa Carrara nel 2011.

L’uomo era ricercato infatti da sei anni su tutto il territorio nazionale
in quanto ritenuto colpevole di rapina aggravata e lesioni gravi, commesse in
concorso con un connazionale, ancora ricercato, ai danni di un altro rumeno
nella città toscana. 

Per rapinare il connazionale di numerosi contanti che aveva a casa e altri
preziosi, il 51enne e l’altro correo, non avevano avuto pietà: colpito in pieno
volto con inaudita violenza, con pugni e poi calci, lo avevano lasciato tramortito
a terraa con fratture multiple al volto guaribili in trenta giorni. A seguito
di indagini dei Carabinieri, era stato disposto l’arresto dal giudice, ma nel
frattempo, i due si erano resi irreperibili.

Fino ad oggi. Infatti,nel quotidiano controllo del territorio posto in
essere dagli equipaggi delle Volanti del Commissariato, gli uomini di Policoro,
controllando a campione le auto che circolavano,  si sono trovati di fronte il 51enne,  in macchina con altri connazionali, risultati tutti regolari. 

Quando i nomi di tutti gli occupanti dell’auto, fermata sulla ss106
all’altezza di Scanzano Jonico, sono stati passati dagli agenti alla sala
operativa, per il controllo agli archivi informatici di polizia, è emerso a
carico dell’uomo  il mandato di cattura del tribunale di Massa Carrara
pendente da ben sei anni.

Questa volta l’arresto è stato immediato e l’accompagnamento in carcere
subitaneo, mettendo l’uomo a disposizione della AG di Matera , e la successiva
trasmissione degli atti alla AG di Massa Carrara,

Importante sottolineare come, la prevenzione, i controlli continui
,disposti senza soluzione di continuità sul nostro territorio, non possono che
portare a  risultati importanti per la sicurezza.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap