martedì, 16 Aprile 2024

Prelievo multiorgano all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera

Nelle prime ore di domenica 14 aprile, data in cui si celebra la Giornata Nazionale per la donazione di organi e tessuti, è stato eseguito il prelievo multiorgano su un paziente lucano di 52 anni presso l’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Dopo il consenso...

“Sono convinto che la
cultura, lo studio, la concentrazione, lo studio accademico in qualunque disciplina
 rappresentino una bussola per navigare nel
mare insidioso della società contemporanea che si è fatta indecifrabile. Sento che
stanno tornando in gioco dei valori molto importanti”.
Sono le parole del
Maestro Giovanni Allevi che n mattinata a Matera ha presentato il progetto
“Allevi Masterclass”, in corso a Nova Siri nella struttura Giardini d’Oriente fino al 28 settembre, giorno in cui alle 18 al Castello Torremare di Metaponto si svolgerà un suo concerto gratuito.
“L’arte rappresenta un
elemento di rottura: – ha continuato il Maestro – dal punto di vista collettivo
ci troviamo in un clima filosofico nichilista perché i giovani soprattutto vivono il qui e l’ora, vivono più intensamente l’attimo senza avere una visone
allargata né del passato né di quello che li aspetta nel futuro. In genere le
due cose coincidono. Se non abbiamo la consapevolezza di ciò che è alle nostre
spalle e non abbiamo la consapevolezza delle nostre radici, non riusciamo a guardare lontano. La cultura fa
questo, ci rende consapevoli della straordinarietà che ci ha preceduto e ci dà
la spinta per inoltrare il nostro sguardo in panorami inesplorati. Tutto ciò è
assolutamente entusiasmante”.
Insieme al Maestro
Allevi, il sindaco di Matera Raffaello de Ruggieri, il sindaco di Nova Siri Eugenio
Stigliano, il sindaco di Policoro Enrico Mascia – che ha fortemente voluto il progetto -, il sindaco di Bernalda Domenico
Tataranno e il Presidente Rete Italia Jonica  Antonello De Santis.
L’obiettivo della Masterclass, completamente gratuita è garantire ai partecipanti un contratto da
professionisti per essere inglobati all’interno dell’Orchestra Sinfonica
Italiane e fare insieme il prossimo tour.
Alla Masterclass, che Allevi
ha definito “un progetto entusiasmante e pionieristico”, partecipano dieci
giovani – alcuni italiani, altri da ogni parte del mondo: “Si avvicina ad un
talent di musica classica che avrà anche dei risvolti televisivi. Questi ragazzi
stanno affrontando i passaggi più difficili, più impervi della mia musica e
vedo i loro occhi brillare. È fantastico.
Vedo molti giovani, soprattutto
molti giovani dentro. Non è una questione anagrafica. C’è tanta voglia di
cultura da parte della gente, da parte dei ragazzi. C’è voglia di mettersi a studiare,
affrontare una disciplina durissima che però sicuramente ci dà una visione
delle cose. Ho portato i ragazzi della Masterclass proprio ieri al Tempio di
Hera. Ho spiegato loro l’importanza filosofica della figura di Pitagora. Mi ha
molto sorpreso che i ragazzi che vengono dal Sud America sapevano già tutto di
Pitagora, del suo genio innovativo, della sua vita che non è stata facile. Abbiamo
avuto i brividi quando abbiamo riflettuto sul fatto che comunque era stata
decodificata lì la prima scala musicale. I musicisti si sono sentiti
completamente coinvolti in questo. Non solo, l’ideale dell’armonia, l’ideale
della compenetrazione degli opposti – qualunque musicista vive nel proprio
intimo un’alternanza tra paura e desiderio e quando ho evidenziato loro che
nella Tetraktis questi elementi sono compresenti e trovano finalmente un loro
equilibrio, un loro armonizzarsi, hanno tirato un sospiro di sollievo, si sono
sentiti compresi. Ho chiesto ai ragazzi che cosa potessero raccogliere dell’eredità
di Pitagora e dalla discussione avvenuta proprio lì nel Tempio. È emerso che è
una figura attualissima, che parla ancora al cuore dei giovani aldilà del valore
matematico del famosissimo Teorema”.
Direttore d’orchestra,
compositore e pianista, il ruolo che ad Allevi è più congeniale è quello del
compositore, “nel senso dell’interpretare il gesto creativo della musica. Poi
una volta scritta quella musica è meraviglioso portarla al cuore della gente attraverso
il pianoforte, attraverso la direzione d’orchestra”.
L’essere senza equilbrio,
nel quale ha trovato il giusto mezzo lo intende così: “Rivolgo
soprattutto ai ragazzi l’invito a essere simpaticamente squilibrati, a uscire
un attimo fuori dagli schemi perché in realtà noi viviamo in una società
conformista e secondo me è il momento ideale per rompere le maglie di
questo potere invisibile che ci tiene tutti stretti alla consuetudine e cominciare
ad assumere una visione molto più allargata delle cose”.
“Quella del musicista
classico – ha aggiunto – è una vita difficile però le soddisfazioni sono molte, ne vale la pena
anche e soprattutto per un fatto di conoscenza: capire cosa c’è alle nostre spalle,
capire la tradizione imponente sempre nell’ottica di creare qualcosa di nuovo”.

Rossella Montemurro



Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap