martedì, 28 Maggio 2024

ASM, attacco hacker del gennaio 2024: comunicazione pubblica

Comunicazione pubblica ai sensi dell'art. 34, par. 3, lett. c), del Regolamento (UE) 2016/679 in merito all'attacco hacker subito dall’Azienda del Servizio Sanitario (Azienda Sanitaria di Matera, Azienda Sanitaria di Potenza, AOR San Carlo Potenza ed IRCCS-CROB...

 
 
I militari della Stazione Carabinieri Forestale di
Scanzano Jonico hanno denunciato il proprietario di un’azienda zootecnica per
lo sversamento illecito di deiezioni liquidi prodotte all’interno di un
allevamento bovino.

A seguito di delega della Procura della Repubblica di
Matera presso il Tribunale di Matera i Carabinieri Forestali hanno effettuato
un controllo unitamente a personale dell’Arpab ad un’azienda zootecnica, sita
in agro di Policoro.

Dalla verifica è emerso che le deiezioni liquide venivano fatte confluire da
una concimaia in calcestruzzo, per caduta, in una vasca interrata. L’area in
prossimità della vasca era completamente ricoperta di liquame evidentemente
proveniente dalla tracimazione della vasca stessa. I liquidi, di colorazione
scura e maleodorante, sia per ruscellamento che tramite una tubazione interrata
confluivano direttamente nel prospiciente canale di bonifica per poi sfociare
nel fiume Agri e infine nel mare.

Lo sversamento continuo di liquame nelle acque pubbliche
superficiali ne ha causato un grave inquinamento, confermato dalle analisi
dell’Arpab le quali hanno evidenziato un elevato carico organico inquinante
delle acque pubbliche.
Da ulteriori controlli si è evinto che parte delle strutture edilizie costruite
a servizio dell’allevamento, quali stalle, sala mungitura, depositi attrezzi e
fienili, per una superficie complessiva di circa 10.600 mq, risultavano
abusive, edificate in un’area sottoposta a vincolo archeologico, paesaggistico
ambientale e urbanistico edilizio.

Accertato l’illecito, i Carabinieri hanno denunciato il proprietario
dell’azienda zootecnica.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap