venerdì, 31 Maggio 2024

Riceviamo e pubblichiamo da Legabiente Matera:

In questi giorni a Legambiente sono arrivate diverse segnalazioni che hanno a che fare con i falò che anche a Matera come in molte altre città, per consuetudine, vengono accesi il 19 marzo, vigilia dell’equinozio di primavera e giorno in cui si festeggia San Giuseppe. Dalle cataste di legna preparate con rami di alberi ancora verdi piantati per l’arredo urbano del parco del Rione Pini a quelle allestite con mobili vecchi che oltre al legno hanno anche parti metalliche e plastiche. Ma la maggior parte delle rimostranze sono state quelle relative all’ordinanza del sindaco che ha vietato i falò per motivi di sicurezza e di tutela della salute pubblica. Noi pensiamo che i falò non costituiscono un pericolo se vengono rispettate alcune norme fondamentali: delimitare le aree, isolarle, assicurare distanze di sicurezza e vigilanza, ardere solo legna secca allo stato naturale. Quello che non è assolutamente comprensibile è un divieto emanato a pochi giorni dalla data della ricorrenza, senza un confronto con i cittadini, coi ragazzi che si sono impegnati a organizzare i falò per far rivivere una tradizione legata ai riti propiziatori e di rinascita. La progressiva de-ritualizzazione di alcune pratiche sociali ritenute arcaiche costituiscono una perdita di patrimonio culturale, processi che un’amministrazione attenta e consapevole deve essere in grado di gestire e non di abolire.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap