mercoledì, 21 Febbraio 2024

Si è tenuta nella sala consiliare del comune di Garaguso una conferenza stampa indetta dal sindaco Francesco Auletta per spiegare ai cittadini il resoconto amministrativo del 2023 e la programmazione per il 2024-2026. Oltre al sindaco,  a presenziare e relazionare,  il vice sindaco Girolamo Costanzo, l’assessore Rosa Marchisella,  i consiglieri Gianfranco Minchillo, Michele Scavetta, Donato Claps. Un inizio del 2024 per il piccolo centro del materano ricco di novità e cantieri aperti per interventi su strutture, infrastrutture, viabilità rurale e un importante e significativo progetto turistico che interessare la zona del bosco. “ Oggi” ha esordito il sindaco Francesco Auletta” possiamo dire che raccogliamo i frutti seminati in questi anni di amministrazione ,  nella piena consapevolezza che molto ancora si può fare, contro ogni scommessa a quanti ci davano per spacciati come comune in predissesto. Abbiamo dimostrato l’esatto contrario,  con capacità amministrativa,  senza aumentare le tasse ai cittadini. I numeri che oggi presentiamo, sono la conseguenza di una programmazione e di una visione futura che porta la nostra comunità al centro di una rivoluzione in tutti i campi , partendo dall’attenzione dei più piccoli fino ad arrivare alle fasce più deboli. Tra i nostri obiettivi  l’attenzione alla persona e alla conservazione e la tutela del  territorio . Nei prossimi mesi, gli uffici hanno già  previsto un bando per l’ultimazione del centro diurno per disabili dove è previsto,  a  completamento,   l’assegnazione del suolo  per la costruzione di   una casa di riposo con 24 posti letto dove saranno impiegate   11 unità lavorative delle diverse professioni sia sanitarie che logistiche. Partendo dunque dalla fascia più debole della comunità , abbiamo pensato ai  nostri giovani e agli studenti con una sala  convegni, cinema,  e biblioteca multimediale che sarà un supporto valido , con le nuove tecnologie , per la crescita culturale. Il nostro comune  è dotato di un ricco patrimonio librario,  nella sua biblioteca, di  volumi importanti storici millenari, ma era necessario adeguarsi ai tempi che viviamo parlando alle giovani generazioni con il loro linguaggio. Mi rivolgo per questo principalmente a loro, siate protagonisti del vostro futuro che passa necessariamente dal sapere , solo la preparazione e l’essere bravi professionisti vi renderà uomini liberi e potete cambiare le sorti di questa nostra regione. Proseguendo abbiamo pensato ad un progetto di rilancio turistico denominato  progetto “caccia” che non è a vantaggio solamente dei  garagusani ,  ma dell’intero comprensorio, la filiera turistica che mette in moto questo turismo di nicchia rappresenta un’opportunità di lavoro. Infine l’attenzione alle attività produttive della zona PiP ,  saranno servite da una rete di collegamento al metano. Una zona industriale inventata tanti anni fa,  che oggi conta una bella realtà imprenditoriale dinamica,   rappresenta la porta d’ingresso e di collegamento con la zona industriale  di Ferrandina   e  Pisticci , che vanno sostenute in una visione più ampia di territorio appetibile per nuove realtà industriali. Infine nella direzione di una politica comprensoriale,  auspico quanto prima nell’incontro con i sindaci di  Grassano e Tricarico, per capire qual è l’idea che loro hanno di Scalo, non perché lo dico io,  ma perché è la geografia  a sancirlo, una zona  baricentrica con potenzialità che vanno,  in questo tempo che viviamo, rivalutate  oltre il campanile. Solo uniti possiamo affrontare la sfida dello spopolamento dei centri dell’entroterra. Concludo ringraziando il personale degli uffici comunali che,  pur sotto organico,  hanno lavorato con impegno e dedizione ben oltre i loro doveri per sostenere le nostre idee e cercare di scrivere una nuova pagina di storia per la nostra comunità”.  

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap