giovedì, 29 Febbraio 2024

“Ritratti di Matrimoni”, una mostra inedita a Matera

 Dal 12 al 16 marzo, nelle scuderie di Palazzo Malvinni Malvezzi sarà ancora una volta protagonista la fotografia di matrimonio d’autore. In occasione della Convention annuale di ANFM, unica Associazione italiana di fotografi matrimonialisti, Maurizio Beucci,...

Un altro colpo andato a
segno per La “Scuderia” Monaco di Potenza.
Un colpo “overhead” mancino che ha messo giù Nicola La Palombella,
atleta di casa della lottatori Milano, avversario designato per il nostro Domenico Colucci.
La Palombella recensito al ventesimo posto in Italia e tra i primi cento in Europa [Tapology], vantava un prestigioso risultato al Venator Fc in undercard al main event Pietrini Paternò.
Al suo esordio nel professionismo attacca subito Colucci portandolo alla parete della gabbia e pressandolo per i primi due minuti.
I due non si risparmiano, colpo su colpo, lottano, vanno a terra, si rialzano, scambiano ancora duramente e vanno a terra di nuovo.
Gli ultimi due takedown sono per l’atleta lucano, che atterra, passa la guardia dell’avversario, colpisce e prende la schiena cercando di finalizzare il lottatore milanese.
Abile La Palombella,
davanti al suo pubblico, a difendere lo strangolamento [mataleao]. I due sono di nuovo in piedi. Siamo allo scadere della prima ripresa, quando il Lucano colpisce la mascella del suo avversario che indietreggia barcollando, prima di cadere. Domenico Colucci, classe ’95 prosegue poi attaccandolo a terra (Ground & Pound) costringendo l’arbitro ad interrompere.
Salta sulla gabbia,
guarda il pubblico che lo applaude. Applaude entrambi per il bellissimo spettacolo. Urlano al suo Angolo i suoi Coach Massimiliano Monaco ed Alfredo Falconieri (due dei tecnici dell’accademia delle arti marziali e sport da combattimento). Si accendono le luci e nello scenario organizzato al Meglio da Clod Alberton e tutta la sua BTF, che ha ospitato le selezioni del Venator e del Golden Cage, lo speaker annuncia: questa volta il braccio al cielo è il suo.
Domenico Colucci dichiara
alla fine del match di essere soddisfatto della sua prestazione ringraziando tutti i suoi maestri, i suoi compagni di squadra da lui definiti “indispensabili”, il suo preparatore atletico
Vito Genovese, il team Gloria, il team Tralli e quanti hanno collaborato per la preparazione di questo match.: “Infine prima di concentrarmi sul prossimo obbiettivo
il Grazie più Grande – detto – alla mia Famiglia, agli sponsor ed al Maestro
Claudio Alberton, che mi ha dato fiducia, e mi ha permesso di mettermi in mostra nella splendida serata del Milano in The Cage.” (nella foto Monaco, Colucci e Falconieri)

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap