martedì, 16 Aprile 2024

Prelievo multiorgano all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera

Nelle prime ore di domenica 14 aprile, data in cui si celebra la Giornata Nazionale per la donazione di organi e tessuti, è stato eseguito il prelievo multiorgano su un paziente lucano di 52 anni presso l’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Dopo il consenso...

Perseguitava l’ex marito
da cinque mesi, con messaggi intimidatori, minacce, arrivando anche a ferirlo a
un braccio con un coltello. Al culmine di una nuova aggressione, la donna
34enne, nata a Stigliano (Matera) e residente a Cilavegna (Pavia), che non accettava
la fine della relazione, è stata arrestata in flagranza dei reati di atti
persecutori e danneggiamento.

I carabinieri di Vigevano
sono intervenuti su richiesta dell’ex marito e l’hanno sorpresa mentre
sferrava, incurante della loro presenza, colpi contro le finestre già infrante
della casa dell’ex coniuge, che si trovava all’interno assieme ai loro tre
figli minori terrorizzati. La donna ha utilizzato l’asta del tergicristallo che
poco prima aveva divelto dalla macchina dell’uomo, alla quale aveva staccato
anche la targa anteriore, accartocciandola, e danneggiato la carrozzeria
posteriore.

La donna era già nota
alle forze dell’ordine: il 15 luglio scorso era già stata ammonita a non
reiterare azioni persecutorie nei confronti del proprio coniuge. I militari
erano infatti già intervenuti sette volte. In particolare il 13 marzo scorso,
la 34enne aveva accoltellato l’ex marito a un braccio e l’8 giugno si rese
responsabile di violenza e resistenza a pubblico ufficiale e oltraggio. A causa
della pericolosità accertata della donna, la stazione dei carabinieri di
Gravellona aveva anche inoltrato il 16 luglio scorso una richiesta di emissione
di misura cautelare alla Procura di Pavia.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap