martedì, 16 Aprile 2024

Prelievo multiorgano all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera

Nelle prime ore di domenica 14 aprile, data in cui si celebra la Giornata Nazionale per la donazione di organi e tessuti, è stato eseguito il prelievo multiorgano su un paziente lucano di 52 anni presso l’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Dopo il consenso...

 
Ieri sera, dopo alcuni giorni di prove che già avevano
fatto respirare grandi e inedite sensazioni, è andato in scena, negli antichi
rioni di tufo materani, “Abitare l’opera”, progetto coprodotto dalla Fondazione
Matera Basilicata 2019 e Teatro San Carlo di Napoli con la regia di Giorgio
Barberio Corsetti. Due gli allestimenti che hanno accompagnato il numeroso
pubblico: il prologo “I Sette peccati capitali-sti”, un vero e proprio corteo
che da piazza San Pietro Barisano ha raggiunto porta Pistola soffermandosi per
7 volte, una per ogni peccato; “Cavalleria rusticana”, in piazza San Pietro
Caveoso dove circa mille persone hanno avuto la possibilità di vivere una vera
e propria esperienza immersiva fra cantanti che si muovevano fra il pubblico e
immagini in diretta in grandissima scala proiettate sul roccione dell’Idris e
sulle ampie pareti.
Un’esperienza toccante e dal forte impatto emotivo non
solo per tutti i presenti, ma anche per i tanti cittadini materani, circa 200,
che si sono messi in gioco partecipando attivamente, e non come comparse, nei due
allestimenti. Per circa due settimane hanno studiato e imparato le parti a
memoria, canzoni dell’antica tradizione materana, che il regista ha utilizzato
per il prologo non in chiave folcloristica, ma come musica pura, in grado di
dialogare con gli elementi della contemporaneità raccontati lungo il 
percorso.
Tappa dopo tappa, peccato dopo peccato, attori e
danzatori professionisti, hanno interpretato i sette mali del mondo moderno,
dall’inquinamento alla violenza sulle donne e nelle famiglie, dall’affannosa
ricerca del denaro facile alle più profonde debolezze umane soffermandosi sotto
grandi scritte appese come grandi messaggi che provavano a liberarsi verso
l’umanità. Lungo il corteo due grandi maschere si sfidavano, il bene e il male,
spesso confuse l’una con l’altra a indicare le due facce di una stessa
medaglia, spesso di uno stesso pensiero.
Il bene e il male, le stesse figure che si sono
ritrovate nella Cavalleria Rusticana, in quest’opera scritta da Pietro Mascagni
che nell’allestimento di Giorgio Barberio Corsetti sembra aver ritrovato
un’anima, ancora più profonda, ancora più contemporanea. Un allestimento che ha
provato, come ormai fa spesso il teatro contemporaneo, a disegnare una nuova
dimensione, un nuovo e più sottile rapporto con il pubblico, meno distante, più
inclusivo. E così gli attori, i cantanti, sono scesi fra i cittadini,
camminando fra di loro, perdendo la loro sacralità e guadagnando in umanità.
Una intera piazza fatta da artisti, cittadini,
turisti, operatori tv, abitanti dei Sassi si è sentita parte di un’unica
comunità. E questa è stata la principale sfida di Abitare l’Opera, l’opera
intesa non solo nel senso della produzione lirica, ma anche e soprattutto come
un grande lavoro dell’umanità, proprio come i Sassi di Matera. L’opera intesa
nel senso dell’operare, ad esprimere quel messaggio che il mondo del fare va
abitato e vissuto per non lasciare che l’umanità precipiti nell’indifferenza,
nel non fare assoluto.
Lunghissimi applausi finali hanno chiuso la serata. Si
replica oggi. Lo spettacolo andrà oggi in diretta differita alle 21.15 su Rai5,
con introduzione alle 20.45. “Cavalleria rusticana” è un progetto di
coproduzione di Rai Com con Rsi, che diffonderà il segnale su tutta la
Svizzera, e Artè, che trasmetterà l’evento in Svizzera, Francia, Germania,
Belgio, Austria, Lichtenstein, Lussemburgo, Principato di Monaco e nei paesi
francofoni d’oltremare. L’opera sarà presentata anche sulla piattaforma Ebu per
le TV Europee associate e da metà agosto in Giappone, Ungheria, Slovenia e
Grecia. Tra il 2019 e il 2020 “Cavalleria rusticana” verrà
distribuita nei cinema in Europa, Corea, Stati Uniti e America Latina, dalla
primavera del 2020  sarà invece disponibile in Dvd.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap