mercoledì, 24 Luglio 2024

L’istituto comprensivo Minozzi-Festa, si è classificato al primo posto
nella graduatoria dei Pon sulla tutela del patrimonio artistico e culturale con
il progetto “Abitare lo spazio per viaggiare nel tempo”.
Il progetto, che comprende 4 moduli, da realizzare tutti nella scuola
secondaria di I grado, “Nicola Festa” di Matera, si pone l’obiettivo di far
acquisire agli studenti – spiega l’istituto in una nota stampa – il concetto di
patrimonio culturale, artistico e paesaggistico come bene comune, di cui prendersi
cura nell’ottica di acquisire una dimensione imprenditoriale con la proposta di
un turismo culturale responsabile.
In particolare il progetto partirà dalla progettazione di uno spazio ludico
attorno alla scuola a partire dalla riqualificazione di un campetto in cemento
e del giardino, in collaborazione con docenti e studenti della Facoltà di
Architettura dell’UNIBAS. Poi si continuerà con la realizzazione di uno spazio
verde curato, in collaborazione con vivaisti che già lavorano con l’Università
di Basilicata, e di un parco ludico da realizzare anche con materiale di
recupero, che coniuga l’educazione alla bellezza e la riappropriazione dei
luoghi che si vivono quotidianamente (secondo il movimento del pop up
urbanism).
Nella seconda annualità gli studenti progetteranno un urban game a sfondo
storico che avrà come una delle tappe, nonché come punto di partenza, proprio
il parco ludico della scuola. L’idea è quella di strutturare un gioco come un
viaggio nel tempo. Questo gioco sarà poi inserito in una proposta turistica,
diretta ad altre scuole del territorio nazionale ed internazionale, in
un’ottica di peer education e turismo culturale, con percorsi anche in lingua
straniera nella piena attuazione dei criteri e dei valori di Matera Capitale
della Cultura 2019.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap