giovedì, 25 Luglio 2024

Il Sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, ha emesso
oggi un’ordinanza urgente, a tutela della pubblica e privata incolumità, di
interdizione delle attività e di sgombero dell’edificio scolastico che ospita
il Liceo Ginnasio “E. Duni” di Matera.
La decisione si è resa necessaria in seguito ad un’esplicita
richiesta della Provincia che ha reso noti i risultati di un’indagine di
verifica statica dell’edificio effettuata sulle strutture in calcestruzzo.
Le prove di schiacciamento hanno evidenziato una bassa
resistenza dei corpi aula, in particolare degli ultimi due piani dell’immobile,
al punto da costituire un pericolo anche se sottoposti a carichi verticali
permanenti e accidentali. I valori rilevati sul alcuni pilastri, sempre secondo
l’indagine commissionata dalla Provincia, sarebbero inferiori ai limiti
richiesti dalle normative (risalenti al 1939) vigenti all’epoca della
costruzione del Liceo (1962).
In virtù di questa comunicazione, il Sindaco ha
provveduto all’adempimento dei provvedimenti di propria competenza.
La Provincia di Matera comunicherà, nelle prossime ore,
le date e il luogo in cui il Liceo classico potrà svolgere le attività
didattiche per l’anno scolastico 2018-2019. Allo studio c’è la possibilità di
utilizzare gli spazi vuoti presenti all’interno degli edifici che ospitano gli
uffici regionali in via Castello, nei pressi della nuova sede dell’Università
della Basilicata.
Di seguito, il testo dell’ordinanza. 
 
Oggetto: Ordinanza sindacale di chiusura e sgombero del
Liceo Classico “Duni”.
I L    S I N D A
C O
-Letta la nota n.0014502 in data 7 settembre 2018 con
cui il Presidente della Provincia ha richiesto l’urgente adozione di
provvedimenti sindacali diretti alla interdizione delle attività didattiche e
non che si svolgono “all’interno dei corpi A e B dove sono ubicate le aule, gli
uffici, i laboratori e l’aula magna del Liceo Classico “Duni”” di questo
Capoluogo;
-Considerato che la richiesta è motivata sugli esiti
delle indagini e delle prove sui materiali delle strutture e delle verifiche
locali effettuate dal professionista all’uopo incaricato dalla Provincia, a
seguito della accertata presenza di microlesioni su alcune travi della zona
“aula magna” che ne avevano suggerito, in via cautelativa, l’interdizione;
-Considerato che con la nota sopraindicata il
Presidente ed il Dirigente dell’Area Tecnica della Provincia hanno comunicato
che, avendo acquisito in data odierna l’esito delle prove e delle verifiche
sulle strutture eseguite dal professionista incaricato, di cui alla dettagliata
relazione acquisita e custodita anche agli atti di questo ufficio, “i risultati
dello schiacciamento dei provini di calcestruzzo hanno evidenziato per i corpi
aula una resistenza bassa, in particolare per gli ultimi due piani dell’edificio,
che potrebbero compromettere la sicurezza anche ai carichi verticali
(permanenti ed accidentali)”;
-Rilevato, come indicato nella già citata lettera
della Provincia, che “i valori della resistenza rilevati su alcuni pilastri
sono inferiori ai limiti richiesti dalla norma (R.D. 16 novembre 1039 n.2229)
vigente all’epoca della costruzione che risale al 1962”;
-Dato atto che la situazione potrebbe porre in
pericolo l’incolumità delle persone che operano nell’ambito della scuola
(studenti, docenti, personale ata) per cui si impone l’immediata chiusura in
via cautelare di tale edificio;
-Considerato che la situazione come sopra
rappresentata richiede l’urgente esecuzione di ulteriori necessarie verifiche;
-Tanto premesso, al fine di consentire l’esecuzione di
ulteriori e necessarie verifiche;
-Visto l’art.54 del D.Lgs. n. 267/2000
O R D I N A
per le motivazioni sopra riportate la chiusura e lo
sgombero immediato del Liceo Classico Duni con sede in questo Capoluogo, al
fine di garantire la tutela della pubblica e privata incolumità.
La Provincia, ai sensi degli artt.3 e 8 della legge 11
gennaio 1996, n.23, disporrà i necessari, urgenti ed improcrastinabili
accertamenti, adottando i conseguenti provvedimenti.
D I S P O N E
che la presente ordinanza venga pubblicata sull’Albo
pretorio on line del Comune di Matera e notificata:
^al Prefetto
^al Dirigente scolastico
^al Presidente della Provincia
^al Dirigente Area tecnica della Provincia
^all’Ufficio Scolastico regionale
^all’Ufficio Scolastico provinciale
^alla Questura
^al Comando provinciale Carabinieri
^al Comando provinciale della Guardia di Finanza
^al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco
^al Comando della Polizia Locale
         Avverso
il presente provvedimento è ammesso il ricorso al TAR della Basilicata nel termine
di gg.60 (L. 1034/71 art.21) ovvero in alternativa innanzi al Presidente della
Repubblica entro il termine di gg. 120 (L. 1199/71 art.9), termini entrambi decorrenti
dalla data di notifica del presente provvedimento.
         Matera,
7 settembre 2018
 
                                                                                                  IL
SINDACO
                                                                                     (avv. Raffaello de Ruggieri)
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap