sabato, 22 Giugno 2024

Alla ricerca di sua maestà il tartufo

Il Bianco pregiato, il Nero pregiato, il Brumale, lo Scorzone, il Marzuolo, l'Uncinato: benvenuti tra le specie calabresi di sua maestà il tartufo. D'estate, come sottolinea il tartufaio Bruno Minerba di Marconia di Pisticci, si va a caccia sull'Appennino...

Cosa accomuna Matera e
Ischia? Molto più di quello che si potrebbe immaginare. Nel XIV secolo, in
seguito ad una eruzione devastante, l’isola fu completamente abbandonata.
Cinque anni dopo a ripopolarla ci fu anche una comunità di persone partite da
Matera. Si insediarono nel territorio che attualmente rientra nei confini del
Comune di Forio. Iniziarono a costruire scavando le abitazioni nella roccia. A
Ischia c’è una località chiamata Monterone, i cognomi Mattera e Matarese,
secondo gli scritti dello storico locale Giuseppe D’Ascia, derivano proprio
dalla località di provenienza di quelle famiglie.

Un legame di sangue,
quindi, quello che lega Matera agli abitanti dell’Isola che potrebbe oggi
sfociare in un gemellaggio tra le due comunità.

Il primo passo è stata la
visita ad Ischia del Sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, nelle giornate
di sabato e domenica. Il primo cittadino della Capitale europea della Cultura,
ha incontrato i rappresentanti dei Comuni dell’Isola (Ischia, Lacco Ameno,
Forio, Serrara Fontana, Casamicciola e Barano) e ha partecipato ad una serie di
iniziative.

La prima, sabato mattina,
nella sala consiliare del Comune di Ischia, dove ha incontrato il Sindaco, Enzo
Ferrandino, e gli amministratori cittadini. Nel pomeriggio a Forio, si è tenuto
il convegno dal tema “Noi nel Mediterraneo” a cui hanno preso parte i sindaci e
i rappresentanti delle sei comunità dell’Isola. 

Nel ricordare il legame
personale che lo lega ad Ischia, De Ruggieri ha spiegato i motivi della sua visita:
“Matera, per il ruolo che ha assunto e per la sua visibilità, deve mostrare al
Mezzogiorno che è possibile rinascere se si mettono da parte il fatalismo e la
rassegnazione e si mettono sul piatto della competizione con gli altri
territori, il valore della storia e della cultura. Noi oggi rappresentiamo un
modello che si può seguire recuperando il vitalismo dei territori meridionali e
lanciando la sfida al resto del Paese e all’Europa. Per far questo, è
necessario che il Sud riscopra i valori di quella identità che per secoli lo ha
unito. Matera e Ischia sono legate – ha detto parlando del gemellaggio tra le
due comunità – dal filo della storia, da un legame fatto di persone che hanno
contribuito, partendo dalla Basilicata, a far rinascere l’isola dopo un evento
tragico della sua storia. Oggi, ad accomunare queste due realtà, ci sono anche
le produzioni cinematografiche di qualità che le scelgono per le loro location
straordinarie”.

Nella mattinata di
domenica De Ruggieri ha inaugurato a Lacco Ameno, insieme al Sindaco Giacomo
Pascale, una mostra realizzata dalle scuole dell’Isola dedicata anche ai temi
della vicinanza tra Matera e Ischia. Poi la visita all’Epomeo, nel Comune di
Serrara Fontana, accompagnato dal primo cittadino Rosario Caruso, dove sorge un
eremo scavato nella roccia che presenta similitudini molto forti con alcuni
insediamenti presenti nei Sassi.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap