venerdì, 31 Maggio 2024

Un tumore «a partenza
renale che nel suo diametro massimo misurava circa 45 cm, e che coinvolgeva
parte dell’intestino» è stato asportato durante un intervento chirurgico «di
particolare complessità» eseguito su un paziente di 59 anni» all’ospedale Madonna
delle Grazie di Matera. Ne ha dato notizia l’Azienda sanitaria di Matera (Asm),
evidenziando che «come da prassi, al termine dell’intervento, durato circa
cinque ore, il paziente è stato trasferito in terapia intensiva per un accurato
monitoraggio: le sue condizioni, seppur ancora in prognosi riservata, non
destano particolari preoccupazioni».

L’intervento è stato
eseguito dalla équipe di Urologia del Madonna delle Grazie, diretta da Giuseppe
Disabato e costituita da Pietro Mastrangelo, Italo Veneziano e Umberto Locunto,
con la partecipazione di Giancarlo Pacifico, direttore della Struttura
complessa di Chirurgia del presidio materano, e dagli anestesisti Felice
Montemurro e Giusy Colacicco.
Nella nota, il direttore generale dell’Asm, Joseph Polimeni, ha evidenziato che
questo tipo di interventi «oggi sono possibili grazie ad equipe
multidisciplinari che collaborano insieme per un unico obiettivo: la salute del
paziente»
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap