martedì, 23 Luglio 2024

Matera,  funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino. L’omelia di Mons. Caiazzo: “Amore non è più una bella parola, un gesto di benevolenza, ma un agire colmo di umanità: consumarsi pienamente fino alla morte”

Pubblichiamo l'omelia che mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo della Diocesi di Matera-Irsina, ha pronunciato questa sera nel Palazzetto dello Sport, gremito, durante i funerali dei Vigili del fuoco Nicola Lasalata e Giuseppe Martino: Carissimi,...

Nei giorni scorsi si è riunita la Commissione
giudicatrice nominata dal Comitato esecutivo dell’Associazione Maria SS. Della
Bruna per valutare gli interventi di valorizzazione artistica del Carro
Trionfale rispetto al bozzetto originale. La Commissione ha riconosciuto gli
elementi migliorativi apportati, per i quali la Fondazione Matera Basilicata
2019 consegnerà agli artisti Raffaele e Claudia Pentasuglia un premio di €3.000
come previsto dal bando di concorso per la costruzione del Carro, edizione 2018.
Le variazioni migliorative apportate sul Carro
interessano la parte decorativa sia pittorica che statuaria.
Per la statua di Paolo VI, nel bozzetto prevista in
piedi benedicente, si è optato per una soluzione più complessa che desse
un’importanza maggiore al personaggio. La figura di Paolo VI sempre benedicente
ora troneggia su una sedia gestatoria, mentre un importate lavoro sul
drappeggio enfatizza lo stile barocco ed i riferimento al grande scultore
Camillo Rusconi.
Nel fonte battesimale, che nel bozzetto era sorretto
da un delfino a tutto tondo e due alti rilevi, sono stati realizzati a tutto
tondo tutti i delfini, tre da un lato e tre dall’altro,  per dare maggiore
plasticità.
Riguardo agli altorilievi serpottiani sul fronte, sono
stati inseriti due gruppi scultorei in altorilievo raffiguranti due putti su
ambo i lati della postazione dell’auriga.
Rispetto al bozzetto il numero delle decorazioni
barocche in altorilievo è sensibilmente cresciuto perché più efficace nella
definizione complessiva dell’armonia.
Avvalendosi della professionalità di Massimo Casiello,
gli artisti hanno inserito elementi lignei torniti come le basi dei busti sulla
torre anteriore ed il grande calice sul castelletto della torre anteriore.
La cimasa rispetto al bozzetto è stata arricchita di
un ulteriore ricciolo decorato per dare più slancio e plasticità.
I colori del bozzetto hanno rappresentato la base per
un lungo studio sul cantiere, finalizzato a raggiungere l’obiettivo di un carro
con un impianto cromatico tradizionale ma con tonalità ed intensità capaci di
andare incontro al gusto contemporaneo.
I principali dipinti sono stati affidati al pittore
Domenico dell’Osso, che ha realizzato delle tele originali.
Infine, è stato inserito nel carro un pezzo
dell’installazione di cartone concepita dall’artista Olivier Grossetête e
realizzata grazie al contributo della comunità in occasione della Festa del
Meno Uno del 19 gennaio scorso con cui si è avviato il conto alla rovescia
verso il 2019, anno in cui Matera sarà Capitale Europea della Cultura. In
particolare, metà dell’arco interno del rosone della chiesa di cartone è
diventato l’arco della porta di Emmaus che svetta sulla scena centrale del
carro. Uno spicchio di cartone non dipinto ne aiuta l’identificazione.
Tutte le forme sono state modellate ex novo, dalle
statue ai putti fino alle decorazioni più piccole; tutti i dipinti sono stati
concepiti e realizzati esclusivamente per questo lavoro, come gli interventi
lignei concepiti per essere armonizzati nella forma complessiva del carro 2018.
“La collaborazione tra Matera 2019 e Festa della Bruna
– sottolinea il Presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019, salvatore
Adduce – è sempre stata strettissima, anche negli ultimi giorni in cui ci si è
reciprocamente consultati per una programmazione che favorisse la possibilità
dei cittadini di essere presenti a tutte le iniziative organizzate. Ora però si
entra nel vivo della Festa ed è con grande gioia che uno dei frammenti più
significativi del Meno Uno, tenutosi il 19 gennaio scorso, diventi parte
integrante del Carro del prossimo 2 luglio. Ancora di più e meglio dovremo fare
tutto insieme per il 2019 quando cadrà il 630° della Festa”.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap