lunedì, 15 Aprile 2024

Prelievo multiorgano all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera

Nelle prime ore di domenica 14 aprile, data in cui si celebra la Giornata Nazionale per la donazione di organi e tessuti, è stato eseguito il prelievo multiorgano su un paziente lucano di 52 anni presso l’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Dopo il consenso...

Foto Ascaf

Il Teatro Stabile di
Napoli – Teatro Nazionale e la Fondazione Matera Basilicata 2019, con la
Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia e con il
contributo dell’Ufficio Culturale dell’Ambasciata di Israele in Italia, sono
coproduttori dell’ultima creazione della prestigiosa compagnia di danza
israeliana Vertigo Dance Company Il Paradiso perduto. Leela. Nell’ambito del progetto
di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 “La più bella delle vergogne”, lo
spettacolo di danza contemporanea andrà in scena in prima mondiale il 6 e 7
luglio alle ore 21:00 alla Cava del Sole (accesso con Passaporto per Matera
2019 e prenotazione sul sito Matera Events o presso l’Infopoint).
Fondata a Gerusalemme più
di ventisette anni fa da Noa Wertheim e Adi Sha’al, la compagnia Vertigo Dance
opera in due centri complementari, a Gerusalemme e al Vertigo Eco-Art Village,
promuovendo la creazione artistica unitamente ad un forte senso di
responsabilità sociale, ambientale e comunitaria, che riflette il continuo
impegno nell’esplorare la natura umana ed il nostro legame con l’ambiente. Tale
visione si è sviluppata negli anni fino a formare un vero e proprio stile di
vita ed un inconfondibile linguaggio di danza insegnato in Israele e nel resto
del mondo.
La loro nuova
composizione Il Paradiso perduto. Leela si occupa dello spazio tra la
riflessione filosofica sull’universo come parco giochi cosmico e la
contemplazione del mondo come risultato sia della volontà umana che delle forze
del desiderio e della tentazione, i propulsori dominanti nell’esistenza
dell’uomo. Il palcoscenico è disegnato come un mondo dentro un mondo, dove la
questione della volontà attiva, viva, in contrapposizione alle circostanze, è
esaminata poeticamente. Fili vengono sbrogliati ed uniti, dal Giardino
dell’Eden, attraverso il movimento della caduta verso la realtà, incarnando la
prossimità e la distanza tra la possibilità di scelta e la predestinazione.
“Ogni arte inizia da una
scintilla di ispirazione che si evolve e si sviluppa fino alla completezza
-dichiara il presidente della compagnia, Fischer Michael. La piece è una
combinazione di molti dettagli che creano l’intero. Nel nostro caso, quella
scintilla si evolve attraverso il peculiare metodo Vertigo in fatto di
movimento, musica e immagini. La scelta dei ballerini che compongono la Vertigo
Dance Company è parte integrante di questa visione artistica. Infine,
l’incontro tra la danza ed il pubblico porta a compimento il processo. Ognuno
di noi diventa parte della pièce nel modo e nella misura in cui la esperiamo e
questo, per me, è il potere dell’arte. Siamo orgogliosi di aver potuto creare
questo incontro tra gli artisti, il palcoscenico e il pubblico per oltre due
decadi. Spero che lo spettacolo di questa notte vi parli e che vi piaccia”.
“Il progetto – spiega
Agostino Riitano, Project Manager Supervisor della Fondazione Matera Basilicata
2019 –  si inserisce a pieno titolo nelle attività di co-creazione che
caratterizzano il nostro programma culturale. In questa occasione la
co-creazione è stata realizzata con una delle principali istituzioni culturali
del Sud Italia, il teatro stabile di Napoli Mercadante, unico teatro nazionale
presente nel mezzogiorno. Il tema individuato ed esplorato è la vergogna,
ampiamente sviluppato in tutto il palinsesto di Matera 2019. Siamo convinti che
un uomo incapace di provare la vergogna è disumano: il sentimento della
vergogna è naturale, perché deriva dalla consapevolezza che nessuno è perfetto,
nessuno è irreprensibile. Pertanto proprio attraverso la riflessione sulla
vergogna, una comunità può ripensarsi ed evolversi”.
Allo spettacolo del 6
luglio a Matera sarà presente il gruppo degli Igers italiani che in quella
giornata si ritroveranno a Matera per il loro Instameet, organizzato da
IgersMatera, IgersBasilicata e IgersItalia, per raccontare alcuni degli
appuntamenti di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 attraverso i loro
scatti su Instagram.
Il 7 luglio invece, alle
ore 11:30 presso la Chiesa di Santa Maia De Armenis, gli operatori del settore
e il pubblico appassionato di danza avranno la possibilità di incontrare
direttamente la compagnia Vertigo Dance, in un momento di scambio e confronto
reciproco dal titolo “Beautiful Shame”. 
Dopo Matera, lo
spettacolo Il Paradiso perduto. Leela  farà tappa presso il Teatro Grande
di Pompei l’11, 12 e 13 luglio nell’ambito della terza edizione della rassegna
 “Pompeii Theatrum Mundi”, promossa dal Teatro Stabile di
Napoli-Teatro Nazionale e dal Parco Archeologico di Pompei, in collaborazione
con Fondazione Campania dei Festival-Napoli Teatro Festival Italia, Fondazione
Matera Basilicata 2019, Teatro di Roma-Teatro Nazionale, Teatro Nazionale di
Genova.
 

Modalità di accesso
All’evento a Matera si
accede con Passaporto per Matera 2019 (link: https://www.matera-basilicata2019.it/it/ticket.html)
e prenotazione sulla piattaforma www.materaevents.it o presso gli Infopoint di Matera
2019.
Non sarà possibile
raggiungere il luogo dell’evento con i propri mezzi. Sarà attivo servizio
navette straordinario Matera Centro-Cava del Sole. Il servizio navette non è
tratta ordinaria e richiede per questo l’acquisto del biglietto (€0,80 a
persona a tratta se acquistato preventivamente, €1,50 se acquistato
direttamente sul mezzo).
  Orari
Partenze da Stazione Centrale a Cava del Sole: dalle h 19:15 una navetta ogni 5
minuti con sosta a Villa Longo. Ultima partenza per la Cava h 20:15. Ritorno da
Cava del Sole a Stazione Centrale: fino ad esaurimento dei passeggeri. Alla
Cava del Sole Saranno presenti navette per il pubblico che voglia fare ritorno
alla Stazione Centrale prima del termine del concerto (sempre con sosta a Villa
Longo). 
Per i disabili sarà
previsto un ingresso prioritario e un parcheggio dedicato (massimo 5 posti), a
cui potranno accedere solo i mezzi in possesso di regolare contrassegno. Gli
eventuali altri veicoli che trasportano disabili potranno arrivare fino alla
Cava del Sole e lasciare il passeggero, sempre mostrando regolare contrassegno,
ma dovranno poi parcheggiare il veicolo nei pressi del Cimitero. A supporto
degli accompagnatori dei disabili sarà disponibile un presidio dedicato.
  È
consigliabile inviare una mail all’indirizzo passaporto@matera-basilicata2019.it
segnalando la targa del veicolo da autorizzare, nome e cognome del conducente e
del passeggero disabile.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap