giovedì, 18 Aprile 2024

Un progetto corale
sul pane per la sesta delle 12 Windows, le dodici finestre aperte sul futuro
dell’arte, della Fondazione Sassi di Matera. Un pane indagato dagli artisti Lorenzo
Bartolucci, Veronica Billi, Valentina Durante, Noa Pane, Giulia Rebonato sia attraverso
il processo chimico della lievitazione che nella sua natura simbolica a cui
rimanda: la vita comunitaria, la condivisione, l’accoglienza.
Le forme
dell’ospitalità, che dal 10 al 24 maggio sarà aperta al pubblico con ingresso
libero nella sala mostra in via San Giovanni Vecchio della Fondazione Sassi, è
una mostra che sin dal titolo evoca un progetto corale che coinvolge
attivamente anche i cittadini di Matera chiamati a prestare per il tempo
dell’esposizione: cornici, piante d’appartamento, una poltroncina e un
tavolino, sgabelli e alcune stufette elettriche. Il progetto espositivo ideato
dalla curatrice Martina Lolli declina l’ospitalità in tre forme differenti:
ogni artista ospiterà un altro artista all’interno dello spazio della propria
opera o dello spazio espositivo a lui dedicato; il curatore ospiterà un altro
curatore offrendo una parte dello spazio curatoriale; la richiesta di
ospitalità che gli artisti rivolgono agli abitanti di Matera, attraverso una
call, chiedendo loro aiuto attraverso il prestito, per le due settimane di
apertura della mostra, di oggetti del nostro orizzonte quotidiano.   
“La mostra sarà così
luogo di passaggio di storie e narrazioni differenti – spiega la curatrice
della mostra – sposerà la coralità di un pasto condiviso e la naturalità di una
lievitazione che segue le leggi di un luogo, dove il pane sarà richiamato nella
sua dimensione simbolica di collante sociale. Le opere esposte, a firma di
Lorenzo Bartolucci, Veronica Billi, Valentina Durante, Noa Pane, Giulia
Rebonato, intendono restituire ai fruitori il senso di accoglienza, far
riaffiorare all’interno del luogo che le ospita la sua innata dimensione
domestica, rievocandone la natura abitativa e la propensione all’ospitalità,
attraverso l’allestimento e l’interazione fra opere e visitatori”.
Le forme
dell’ospitalità sarà inaugurata venerdì 10 maggio alle ore 18 alla Fondazione
Sassi e resterà aperta al pubblico fino al 24 maggio 2019. Si potrà visitare
tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Giorno di chiusura: lunedì.
Ingresso libero.
A cura di Martina
Lolli, Le forme dell’ospitalità è la sesta delle 12 Windows, le dodici finestre
aperte verso il futuro dell’arte nate da un’idea di Giancarlo Chielli, con la
direzione Artistica di Francesca Arpino. Mostre d’arte contemporanea che sono
parte integrante del progetto Festival La Terra del Pane.
Organizzata e
promossa dalla Fondazione Sassi la mostra rientra nell’ambito del Festival La
Terra del pane, progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 in
coproduzione con la Fondazione Matera-Basilicata 2019, tema: Radici e Percorsi.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap