venerdì, 31 Maggio 2024

“Questo disco è un
viaggio in fondo ai miei pensieri. Un viaggio iniziato da sogni infranti e
concluso in sogni realizzati attraverso meravigliose coincidenze. Ogni testo è
una piccola parte di un pezzo della mia vita. Ogni melodia è la colonna sonora delle
immagini più profonde del mio io”.
Così Konrad (Alessandro
Konrad Iarussi), nato a Bari nel ’75, presenta “Luce” (MusicForce,
distribuzione EgeaMusic).
Konrad ha iniziato a
comporre a soli 15 anni in una famiglia in cui tutti scrivono, suonano o
dipingono.
I testi di “Luce” (alcuni
in inglese) sono intimisti, profondi, senza dubbio riflettono un vissuto del
cantautore. Lo stesso titolo, “Luce”, è il nome della figlia. Le melodie
spaziano dal pop al rock, ci sono brani che sembrano poesie (come “Sorpresi e
presi”: “Ho fatto i conti con quello che perso, ho perso tanto ma ho vinto te”),
altri dal ritmo trascinante.
Particolarmente ricco di
esperienze il percorso musicale di Konrad che, con i Radiolondra, finisce alla
corte di Mauro Pagani, nel famoso studio milanese “Officine Meccaniche”, dove
comincia a registrare l’omonimo disco con la produzione artistica di Guido
Andreani, braccio destro di Pagani.
Al disco parteciperanno grossi nomi del panorama musicale italiano, tra cui
Sergio Conforti, alias Rocco Tanica di Elio e le Storie Tese.
Durante le registrazioni del disco i Radiolondra partecipano ad importanti
manifestazioni ottenendo ottimi riscontri: 2004 terzi classificati “Spazio
Giovani”, 2005 vincitori “Arezzo Wave” e 2005 quarti classificati a “Sanremo
Rock”.
Nel 2006 esce il disco “Radiolondra”, che vanta numerose copie vendute e ottime
recensioni da parte della stampa specializzata tra cui Raro e Rolling Stones.
Inaspettatamente nel 2008 i Radiolondra si sciolgono alle soglie del secondo
disco che resta chiuso in un cassetto.
Konrad si prende un periodo di riflessione e comincia a dedicarsi alla
recitazione, fino all’incontro con Carlo Fenizi, giovane regista emergente, con
cui diventa protagonista maschile nel film “Effetto Paradosso”, scalando le
classifiche del box office fino al 32° posto.
Ma la musica è dietro l’angolo: Konrad partecipa alla colonna sonora del film e
incontra Guido Paolo Longo, poliedrico musicista con cui decide di incidere i
pezzi che nel frattempo aveva continuato a scrivere.
Nel 2013, a seguito dell’incontro con l’etichetta discografica Music Force,
nasce primo disco solista: “Carenza di logica”, un concept album di 13 brani
sul mare e sull’amore che disegna uno strano percorso musicale che va dal pop
al folk, passando dal reggae, dal dub e dall’elettronica.
“Carenza di Logica” incontra da subito i favori del pubblico e dei giornalisti
del settore.
Sono ben tre i singoli estratti, con altrettanti video, che spopolano sui social.
L’ attività dal vivo è frenetica e si chiude con l’ultimo fortunato concerto al
Forum d’Assago.
Konrad  ritrova poi Valerio Fuiano il suo
ex chitarrista ai tempi dei Radiolondra.
Lo stesso Valerio prende in mano la produzione artistica di “Luce”: due anni di
lavoro dal 2017 al 2019 per ottenere esattamente quello che già suonava nella
testa di Konrad.
Su questo treno salgono anche Fabrizio Iarussi, Mario Canfora e i Radiolondra
sembrano rinati in questo nuovo progetto.
Importanti sono le collaborazioni: Paolo Marrone dai Favonio e Michele De
Costanzo, che offrono due splendidi cammei a questo lavoro.
Rossella Montemurro
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap