domenica, 14 Aprile 2024

Patto di amicizia tra Matera e Greccio (Ri) sulla tradizione presepiale

Matera è tra le città protagoniste oggi (13 aprile) alla “Festa delle città gemellate”, che si svolge nel comune rietino di Greccio dove è stato realizzato il presepe di San Francesco, il più antico d’Italia con i suoi 800 anni. Un’occasione preziosa per coinvolgere...

Domenica 17 marzo, si è svolto il Potenza Combat Event, giunto ormai alla sua XI edizione. Quest’anno, galà dedicato agli Juniores con la sfida per la Coppa Internazionale Juniores di Kickboxing tra l’Italia Vs Albania. 

Con 3 vittorie su 5 l’Italia si aggiudica il dual match contro l’Albania. 

Nel galà Indoor, della rassegna sportiva proposta per “Potenza Città Europea dello Sport” patrocinata dal comune di Potenza, diverse le società lucane presenti nei pre match a testimonianza di un sano movimento regionale, numeroso e di grande calibro tecnico. 

In questa competizione regionale non istituzionale, infatti, si sono sfidati gli atleti dei team:

A.S.D. Alpha Academy di Bernalda seguita dal Maestro Giuseppe Pace.

A.S.D. C.A.M Athena Club Montescaglioso seguita dal Maestro Gino Clemente.

S.S.D. Dynamic Center Matera seguita dal Maestro Biagio Tralli.

A.S.D. Accademia delle Arti Marziali e Sport da Combattimento di Potenza seguita dal Maestro Massimiliano Monaco.

Kickboxing Elephant team di Galatone (LE) seguita dal Maestro Giuseppe Di Cuia.

A.S.D. Shadow Team di Tiggiano (LE) del Maestro Giulio Rizzo.

Dopo la carrellata dei pre match si giunge al clou della manifestazione sportiva, la sfida tra Italia e Albania.

Con all’angolo il Maestro Tralli direttore della Nazionale Italiana di Kickboxing, questi i match Internazionali che hanno visto come protagonisti gli atleti Lucani:

Il primo match della sfida Internazionale specialità Low Kick vede Luca Lovallo opposto all’Albanese Mecani Klodjan. Al suono della campanella Luca parte subito utilizzando tantissimo le sue tecniche di gambe vincendo la prima ripresa. Alla seconda ripresa il suo avversario schiaccia il piede sull’acceleratore togliendogli la distanza delle sue gambe chiudendo in parità, ma alla terza ripresa Klodjan mette in campo tutte le sue energie vincendo il match e portando la sfida Italia Vs Albania 1-0 .

Subito dopo è la volta dell’Italiano Mihasi Angjelos opposto all’Albanese Salla Genci. Appena l’arbitro centrale dà il via, Angjelos parte deciso schiacciando il suo avversario sulle corde, vincendo così la prima ripresa. Alla seconda Genci cerca di ribaltare il match colpendo il fighter Italiano con dei potenti ganci destri ma nonostante ciò l’Italiano con meno irruenza della prima ripresa chiude il match. Pari i conti con la Nazionale Albanese, 1-1.

Al centro della sfida c’è posto per un match al femminile tra la padrona di casa Viola Monaco e la  fighter Albanese Cici Tajna nella specialità di Kick Light. Al suono della campanella Viola parte decisa portando a segno delle bellissime tecniche di gambe e costringendo la sua avversaria ad arretrare, per tutta la ripresa sfoggia il suo bagaglio tecnico che demotivano Tajna che decide di abbandonare il match al suono del secondo round, in questa maniera Viola porta in vantaggio l’Italia sulla Albania per 2-1.

Nel quarto match previsto nella specialità di K-1 tra l’Italiano Gabriel Bozza opposto all’atleta Albanese Lala Skander, al suono della campanella entrambi gli atleti danno vita a un grandissimo incontro portando a segno dei potenti colpi di sia di gambe che di braccia. Nella prima ripresa brilla di più Gabriel anche per le prestigiose tecniche di gambe portate a segno, nella seconda ripresa entrambi gli atleti si replicano finendo in parità, nell’ultima ripresa il campione albanese riesce a portare il fighter Italiano alle corde: 2-2, entrambi gli atleti scendono dal ring sotto gli applausi del folto pubblico accorso per la manifestazione. 

Gli ultimi atleti a salire nel centro del ring per un match di Low Kick sono Fabrizio Simone Vs Hada Azis, entrambi sentono la responsabilità al doppio per il match e per la sfida Italia Vs Albania.  Il padrone di casa parte subito con potenti colpi di gambe e dopo aver intimorito il suo avversario, doppia prima un low Kick e poi con la stessa gamba sale al viso de e costringe l’arbitro centrale ad intervenire per un conteggio. La ripresa la vince Fabrizio, nella seconda Azis prova a ribaltare il match ma il fighter potentino non lo consente bloccandogli ogni azione: Simone vince la seconda e terza ripresa, portando a casa non solo la sua vittoria ma anche lo scontro tra Italia e Albania per 3-2.

“A nome della Federazione vorrei ringraziare il Comune di Potenza per l’ospitalità ed in particolar modo l’assessore allo sport Gianmarco Blasi che ha sostenuto l’evento  con grande passione sportiva ed umana, oltre che per le sue mansioni autorevoli. – commenta così il Presidente Regionale Federbombat Basilicata Biagio Tralli – Un altro sincero ringraziamento al presidente del Coni Leopoldo Desiderio e al Dottor Macchia, Presidente del Potenza Calcio, presenti a bordo ring. Infine a tutto lo staff dell’Accademia delle Arti Marziali e Sport da Combattimento presieduta da Bartolo Telesca e capitanata dal M. Massimiliano Monaco e Serena Lamastra che hanno organizzato l’evento magistralmente diretto dal M. Gianni Befà”.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap