sabato, 13 Luglio 2024

«Nel 2019 avremo gli
occhi del mondo puntati su Matera»: così il ministro dei Beni culturali,
Alberto Bonisoli, rispondendo all’ANSA ha sintetizzato l’attesa anche
internazionale per Matera Capitale europea della Cultura nel 2019. «Il vero
obiettivo, però – ha aggiunto Bonisoli – è avviare un ciclo positivo che può
andare avanti 15-20 anni», creando «un’offerta culturale che attiri le persone
in un polo di attrazione del Sud Italia a livello mondiale».

«Nel momento in cui si afferma nella coscienza collettiva a livello europeo –
ha continuato il ministro – che qui tutti gli anni ci sarà un’offerta culturale
di un certo tipo, le persone non sapranno magari esattamente cosa accadrà ma
qualsiasi cosa accada sarà interessante. È già accaduto in diversi parti del
mondo». Rispondendo a domande sul futuro del Mezzogiorno in relazione alla
cultura, Bonisoli ha detto che «l’importante è ricordarsi che il 2019 non
accadrà solo a Matera. È un’opportunità unica che abbiamo per Matera e tutto il
Mezzogiorno, per dimostrare ciò che siamo capaci di fare. E lo faremo», ha
concluso il ministro. (Nella foto Marino Sinibaldi e il sindaco De Ruggieri)

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap