domenica, 21 Aprile 2024

«Apprendiamo con dispiacere da un comunicato stampa, che la direzione del festival internazionale “Sonic Park”, dopo due anni di consolidata presenza a Matera con il pieno sostegno di questa Amministrazione comunale, ha messo in “stand by” la tappa 2024, nonostante l’impegno da noi garantito per salvaguardare un evento di grande spessore nella Cava del sole “David Sassoli”». E’ il commento del sindaco, Domenico Bennardi, e dell’assessore alla Cultura, Tiziana D’Oppido, che negli ultimi mesi hanno avviato personalmente un dialogo costruttivo con gli organizzatori locali della kermesse. «Nell’ultimo incontro dello scorso 23 gennaio -spiegano gli amministratori- avevamo garantito l’impegno ad interloquire da subito con la Regione Basilicata, per accorciare le limitazioni sulla vigente Valutazione di incidenza ambientale (VIncA) o, in alternativa, si era ipotizzato di mettere a disposizione il parco del castello Tramontano, con una serie di agevolazioni economiche che avrebbero compensato l’inevitabile minore portata degli eventi, data la capienza ridotta del sito. Impegni tutti rispettati da parte nostra, seppure determinate decisioni non siano di nostra competenza -rimarcano Bennardi e D’Oppido- perché abbiamo incontrato l’assessore regionale all’Ambiente, chiedendogli di modificare le prescrizioni stringenti della VIncA (non meno di 5 giorni tra un concerto e l’altro), alla luce degli esiti positivi del monitoraggio sull’avifauna, chiesto dalla Regione ed effettuato l’estate scorsa nei tempi e nei modi concordati. Infatti, dall’osservazione puntuale dell’avifauna durante il periodo dei concerti 2023, è emerso con chiarezza che i rumori e le attività antropiche non modificano le abitudini delle specie protette, che vivono e si riproducono intorno a Cava del sole. Si attendeva, quindi, una risposta dalla Regione, ma probabilmente i tempi tecnici di questa operazione non sono compatibili con quelli organizzativi del Sonic. Avevamo anche proposto di stralciare la Cava del sole dalla Zona a protezione speciale (Zps), per poterla utilizzare senza grosse limitazioni e sempre nel rispetto di ambiente e fauna. Un passaggio, quest’ultimo, decisamente più lungo e complicato, che perciò va considerato solo in prospettiva futura». Da qui l’auspicio del sindaco e l’ennesimo appello alla Regione Basilicata: «La sospensione del Sonic -rimarca Bennardi- deve essere un monito e uno stimolo a riconsiderare il ruolo di Cava del sole “David Sassoli”. Dobbiamo decidere insieme, e qui il ruolo della Regione è fondamentale, se vogliamo che quel sito rimanga un semplice luogo turistico da ammirare passivamente, un monumento fine a sé stesso; o se, invece, vogliamo trasformarlo in un contenitore suggestivo e affascinante al servizio di importanti eventi, creando economia culturale e turistica. Occorre che Comune e Regione si mettano al lavoro da subito sulla Vinca per l’edizione 2025, affinchè i vincoli burocratici su Cava del sole non siano un limite per eventi di richiamo nazionale e internazionale come il Sonic Park, che devono poter scegliere Matera e la Cava del sole come tappa fissa e consolidata nel sud Italia».

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap