mercoledì, 24 Luglio 2024

Riceviamo
e pubblichiamo la lettera aperta che l’avvocato Vincenzo Montagna, presidente
del Comitato Meta-Siris, ha inviato al Vice Presidente della Regione Basilicata.
 
         Gentile Dott.ssa Franconi,
nella
giornata di ieri il Sindaco di Venosa ha pubblicato, in fotocopia, la lettera
diretta all’amministratore delegato di RAI Com con la quale ha formalmente
confermato la scelta della città di Venosa quale location dell’evento “l’anno
che verrà”, in programma per il 31 dicembre prossimo.
         Ha motivato la decisione con la
laconica frase della “valenza della città di Venosa, rappresentativa di un’area,
il vulture-melfese, ricca di storia e di cultura e dalla forte vocazione
turistica”.
         La decisione da Lei assunta sorprende
per carenza di motivazione e per omesso esame delle altre proposte, tra le
quali quella del comitato Meta-Siris in rappresentanza dell’area
metapontina-pollino.
         Contesto la Sua decisione e ciò non per
contrapporre un territorio ad un altro ma per ricondurre la vicenda nell’ambito
delle giuste e legittime procedure e per cercare una soluzione che sia di
interesse regionale.
Circa
eventuali diritti di primogenitura è opportuno fare delle precisazioni. In data
11/9/2018, gli uffici regionali, richiamata la convenzione tra la Regione e RAI
Com, menzionavano la proposta avanzata tempo prima di svolgere gli eventi del
2017 e 2018 nelle città di Maratea e di Venosa.
         Essendo stato svolto l’evento di
Maratea, chiedevano di confermare la scelta di Venosa per l’anno 2018.
         Prontamente, RAI Com, con nota del
13/9/2018, stigmatizzava l’inesistenza di alcun impegno a favore della scelta
venosina confermando quanto dichiarato e comunicato anche alla Regione
Basilicata in data 1/6/2018. Rammentava, inoltre, essere stato fissato, per il
giorno 13 luglio scorso, un incontro finalizzato a definire di comune accordo
la location del 2018-2019, incontro che poi non è stato possibile tenere.
         Chiarita l’inesistenza dell’impegno,
RAI Com ha fatto presente la necessità di un nuovo incontro e, expressis
verbis, sulla scelta di Venosa, ha anticipato le proprie “forti perplessità”.
         Alla luce di tali precedenti la scelta
da Lei comunicata appare illegittima e gratuitamente ostile ai cittadini
dell’area metapontina-pollino.
         Lei sa, o almeno avrebbe dovuto sapere,
che altra richiesta vi era per quella location formulata dal Comitato Meta-Siris.
         La richiesta era stata formulata in
data 1/6/2018 dal comitato che rappresento ed aveva avuto l’adesione di tutti i
comuni del metapontino e di gran parte di quelli dell’area del Pollino, nonché
quella di molte personalità tra le quali il sindaco della città di Matera.
         La proposta era stata poi illustrata al
Presidente della Giunta Regionale il quale si riservava la valutazione in sede
di decisione.
         In data 14/9/2018 rivolgevo a Lei
istanza di convocare presso il Suo ufficio un incontro con RAI Com, con la
partecipazione di una rappresentanza del Comitato Meta-Siris.
         A fronte delle richieste di
rappresentanti di due aree, ci si aspettava la fissazione di un incontro e la
valutazione delle due proposte.
         Ciò non è avvenuto ed Ella ha motivato
la propria decisione con la forte vocazione turistica dell’area proposta.
         Se questo incontro si fosse tenuto
avremmo colmato la Sua occasionale conoscenza del turismo in Basilicata
consegnandoLe i dati da cui risulta che nella Regione Basilicata la struttura
turistica è composta da 22.867 posti letto in albergo e da 17.948 posti di
carattere extra alberghiero, con un totale complessivo di 40.814.
         Nella sola area metapontina i posti
letto sono 20.741. Ne deriva che l’area turistica più consistente è
rappresentata dall’area metapontina-pollino per cui l’evento da svolgersi
potrebbe costituire l’occasione per una grande promozione turistica che
andrebbe a vantaggio dell’intero territorio regionale.
         Tanto premesso, La invito:
a
revocare la decisione assunta e comunicata a RAI Com in data 5/10/2018; a
consentire allo scrivente l’accesso agli atti al fine di meglio argomentare le
proprie richieste e di contestare nei modi di legge l’illegittima decisione
assunta; a
compiere la necessaria istruttoria per provvedere alla scelta definitiva.

       

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap