martedì, 16 Aprile 2024

Prelievo multiorgano all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera

Nelle prime ore di domenica 14 aprile, data in cui si celebra la Giornata Nazionale per la donazione di organi e tessuti, è stato eseguito il prelievo multiorgano su un paziente lucano di 52 anni presso l’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Dopo il consenso...

Una
piacevole sorpresa,  l’altra mattina
davanti i cancelli della scuola di Grassano, 
le maestre delle classi quinte Michelina Bollettino e Brigida Scattone
hanno indossato i panni del “Vigile per un Giorno”.  Un progetto giunto alla sua decima edizione
che vede protagonisti i bambini impegnati 
nelle operazioni di direzione del traffico dopo averne appreso le
nozioni teoriche del codice della strada durante le lezioni tenute  dall’Ispettore Superiore della Polizia Locale
Giuseppe Sansone. Le due maestre quest’anno hanno voluto provare in prima
persona, facendo un incursione nell’ufficio della Polizia Locale,  l’emozione 
nell’essere protagoniste  ,
emozioni che  fino ad oggi erano  arrivate  solamente attraverso il racconto dei propri
alunni. Un progetto promosso dalla Fidas Grassano che vede il coinvolgimento
della Scuola e dell’Ammistrazione Comunale. “ Non immaginavo quanto fosse
difficile stare fermo in un incrocio” ha spiegato la maestra Michelina Bollettino
“ e dover prendere la decisione giusta in qualche frazione di secondo per
evitare incidenti. Da autista spesso do 
per scontato il  percorso
giornaliero, osservo  poco la strada,  soprattutto la mattina e  a volte pensando che tutto scorre normalmente,
e che  fare il Vigile è semplice. Devo
ricredermi, intanto grazie a questa esperienza ho potuto notare che ci sono
molte più persone in strada la mattina e i pericoli,  rispetto a quelli che vedo dalla mia macchina,
sono diversi,  dirigere il traffico non è
proprio una passeggiata perché da te può dipendere la vita di chi in quel
momento occupa la strada, bisogna essere razionali e molto preparati e avere
tutto sotto controllo, fermare la macchina al momento giusto e dare la
possibilità ai pedoni di attraversare e viceversa. Un grazie alla Fidas e alla
Polizia Locale per questa bellissima esperienza, sono tornata bambina e ne sono
felice perché la mia vita lavorativa la trascorro con loro. Ai ragazzi noi come
insegnanti diamo le nozioni ma devo dire che da 
loro   riceviamo  anche tanto come l’emozione provata nel fare
il Vigile nel rispetto dello spirito del Progetto : impara i pericoli della
strada, evita gli incidenti per non rincorrere l’emergenza sangue”.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap