lunedì, 15 Aprile 2024

Prelievo multiorgano all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera

Nelle prime ore di domenica 14 aprile, data in cui si celebra la Giornata Nazionale per la donazione di organi e tessuti, è stato eseguito il prelievo multiorgano su un paziente lucano di 52 anni presso l’Ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Dopo il consenso...

Con la Giornata nazionale della
biodiversità di interesse agricolo e agroalimentare, si chiuderà il 20 maggio a
Irsina (MT) la settimana di incontri a tema organizzati nelle scuole di 7 paesi
della Basilicata dall’ALSIA, l’Agenzia Lucana di Sviluppo e di Innovazione in
Agricoltura. Sette appuntamenti tutti rientranti nel progetto nazionale “Itinere”
per tutelare la biodiversità e favorirne la diffusione.

Il progetto Itinere, giunto quest’anno
alla quarta edizione, vede la Basilicata protagonista delle iniziative che
rientrano nella legge 194 del 2015 sulla conservazione e valorizzazione della
biodiversità agraria. L’incontro del 20 maggio, con inizio alle ore 10,00, si
svolgerà nel Centro Arenacea (ex convento San Francesco), e coinvolgerà gli studenti
del Liceo scientifico “Carlo Levi” di Irsina, per sensibilizzare i più giovani
sullo stato della biodiversità che è anche alla base del nostro sistema
alimentare.

Nel corso dell’incontro, ampio spazio sarà
dato alle attività svolte dall’ALSIA in Basilicata negli ultimi 20 anni per il
recupero di vecchie varietà e razze, per la loro caratterizzazione,
conservazione e valorizzazione. Con la Comunità del cibo e delle biodiversità
del Pollino-Lagonegrese si affronterà poi il tema della valorizzazione della
biodiversità e dei prodotti tradizionali con essa realizzati.

Nell’occasione sarà presentato anche il
progetto “La valle degli orti”, sostenuto dal Comune di Irsina. Un
progetto che ha lo scopo di ricercare, studiare, conservare e valorizzare la
biodiversità di interesse agrario ancora presente nell’esteso territorio di
Irsina, in particolare nell’antica area degli orti posta all’esterno delle mura
della vecchia Montepeloso, tra secolari chiesette, abbeveratoi e lavatoi. Occhi
puntati su 26 varietà autoctone di fico, che entrerebbero a far parte di un
sito di conservazione realizzato in un appezzamento di terreno: la melassa di
fico, infatti, a Irsina è ancora utilizzata per confezionare i “pzzitt”,
dolci tradizionali simili ai mustaccioli.

Farà da cornice alla manifestazione una
mostra di semi di vecchie varietà autoctone di leguminose, cereali, e ortaggi
vari conservati a Rotonda (PZ) nella “Banca dei Semi antichi della Basilicata –
Franco Sassone”, realizzata presso l’Azienda Agricola “Pollino” dell’ALSIA.
Spazio anche ad una ricca esposizione di materiale documentale prodotto
dall’Agenzia sulla biodiversità e sulle piante officinali.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap