venerdì, 14 Giugno 2024

Era finito in manette insieme a due complici per furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale lo scorso 16 febbraio: la banda rubava le chiavi delle abitazioni, lasciate nel cruscotto delle autodecorazioni nel parcheggio dell’ospedale Madonna delle Grazie di Matera risalendo all’indirizzo dal libretto di circolazione.
I Carabinieri li intercettarono in via Gravina e dovettero esplodere colpi di pistola verso le gomme dell’auto per fermare la fuga.
F.P., 46enne barese, 10 giorni prima della sfortunata trasferta materana, con lo stesso modus operandi avrebbe messo a segno un colpo a San Cesario di Lecce. Secondo i Carabinieri, nella giornata del 6 febbraio, avrebbe rubato da un’auto le chiavi dell’abitazione della vittima con cui poi avrebbe rubato anche all’interno dello stesso appartamento.
Il bottino racimolato, tra monili in oro e in argento, ammontava ad un valore di 5mila euro. In seguito all’analisi dei filmati e a tutte le verifiche investigative, i militari hanno identificato il presunto responsabile, ora indagato.
Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap