Dossier preti gay, le scuse del vescovo di Tursi-Lagonegro monsignor Vincenzo Orofino

“Vi chiediamo scusa a nome di chi non ha tenuto un
comportamento consono alla grazia sacramentale ricevuta in abbondanza,
procurando in voi ‘turbamento’ e ‘scandalo'”: lo ha detto oggi il vescovo
di Tursi-Lagonegro, monsignor Vincenzo Orofino, all’omelia della Messa crismale
celebrata nella cattedrale di Tursi (Matera). Il vescovo si riferiva ai
sacerdoti i cui nomi sono apparsi nel “dossier” sulla rete di preti
gay che l’escort Francesco Mangiacapra ha consegnato nel febbraio scorso alla
curia di Napoli, in cui compaiono i nomi di alcuni sacerdoti della diocesi
tursitana.

Quando, lo scorso anno, uscì Il numero uno. Confessioni
di un marchettaro (
Iacobelli editore, prefazione di Pino Strabioli), il
capitolo “Preti peccaminosi” fece scalpore. Qualche settimana fa l’autore
Francesco Mangiacapra ha consegnato alla Curia di Napoli un dossier bollente
con nomi, cognomi e prove inequivocabili: 1300 pagine nelle quali sono schedati
oltre cinquanta preti, sacerdoti e seminaristi gay del Sud.

Il numero uno riporta la descrizione di un Capodanno
romano di qualche anno fa trascorso dall’autore all’interno di un’u­niversità
cattolica durante un festino organizzato da un monaco, economo di una delle
facoltà dell’ateneo – padrona di casa e regina assoluta della serata, estroso e
ridanciano.

“(…) Lui organizzava feste per preti, militari gay,
giovani avvocati della Sacra Rota e un ristretto numero di simpatizzanti:
un’enclave protetta. Per loro non erano incontri sessuali, ma di libertà, feste
in cui potevano essere se stessi e conoscere ragazzi “borghesi” gay. Il mio
contatto era proprio un militare, amico dei preti.

Mi ritrovai catapultato in un campionario umano incredibile”.

Uno stile diretto e descrizioni fedeli squarciano quel
velo che cela consuetudini squallide in un contesto del tutto inappropriato.

Pubblicità
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap