Cari Lettori,
anche oggi torniamo zitti zitti a fornire spunti di riflessione a chi vorrà leggere e riflettere…
Inizia la scuola. Salgono i contagi. Riparte la paura, ma quale paura? La paura di infettarsi e di contagiare? La paura della quarantena o del ricovero in Terapia Intensiva?


Non so come si chiami questa paura, ma so che di PAURA ne esistono almeno due tipi: e una è buona, l’altra cattiva. Facciamo degli esempi.
Stiamo distrattamente attraversando la strada e ci rendiamo conto che un’automobile sta per investirci(PAURA), come novelli supereroi spinti dalla paura riusciamo a compiere uno scatto prodigioso da centometrista olimpionico per evitare l’impatto.
Una scossa di terremoto (PAURA): ci si gela il sangue, razionalizziamo e poi ci si muove. Quando si gela il sangue si rimane immobili, vero?
Bene! Nel primo esempio la Paura è buona, è una leva per farci sopravvivere, ci mette in movimento; nel secondo esempio invece è cattiva perché ci blocca impedendoci persino la più elementare delle difese, ossia la fuga.
Lo sforzo che ci tocca è quello di rendere buona la paura cattiva, e non solo riguardo il COVID19, che ha indubbiamente i suoi rischi.

A proposito di rischio COVID: è necessario rendersi conto e razionalizzare che il rischio zero purtroppo non è raggiungibile e che tutte le precauzioni (dall’evitare assembramenti sino alla mascherina) servono solo a mitigare il rischio, ossia a ridurre la possibilità di contagio.

Lo sforzo più grande è proprio questo: rendersi conto che dobbiamo ragionare e lavorare per rendere questo rischio ACCETTABILE. Così come è accaduto per l’altra e più nota malattia virale, l’AIDS. Inizialmente eravamo tutti spaventati e preoccupati, poi pian pianino abbiamo iniziato a capire sempre di più e oggi conviviamo tranquillamente con il virus. In sintesi abbiamo imparato come comportarci: evitiamo i comportamenti a rischio anche per il COVID allora e a breve, ma non brevissimo, ne potremo parlare con maggiore tranquillità, senza isterie e timori eccessivi.

Valete

Pubblicità
Pubblicità

TuttoH24

Testata giornalistica online registrata al Tribunale di Matera al n. 4/2017 del registro della stampa.

Direttore Responsabile: Rossella Montemurro

Contatti: tuttoh24@gmail.com

Rossella Montemurro

Giornalista professionista materana. Laureata in Scienze dell’educazione, si è perfezionata in Bioetica e Terapia familiare e relazionale. Ha lavorato per Il Quotidiano della Basilicata – occupandosi dei settori “Cronaca” e “Cultura” -, Il Mattino di Foggia, Il Mattino di Puglia e Basilicata, il Roma e con la testata giornalistica online “Il mio TG”. Ha collaborato con le emittenti televisive “Antenna Sud” e “Lucania Tv”. Attualmente dirige la testata giornalistica online www.tuttoh24.info e collabora con la casa editrice Altrimedia. Nel 2004 ha pubblicato per Ediesse Edizioni “I giorni di Scanzano”. Il volume, nel 2005, ha ricevuto la segnalazione della Giuria del Premio letterario Basilicata. Nel 2010 ha pubblicato per BMG Editrice “Carabinieri a Matera. Tradizione e modernità al servizio dei cittadini”. La pubblicazione è stata autorizzata dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nel 2019 ha pubblicato per Altrimedia Edizioni “Calci e pugni sul tetto del mondo. Biagio Tralli, identikit di un campione” e nel 2021 "Ilmio tuffo nei sogni"

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap