giovedì, 29 Febbraio 2024

“Ritratti di Matrimoni”, una mostra inedita a Matera

 Dal 12 al 16 marzo, nelle scuderie di Palazzo Malvinni Malvezzi sarà ancora una volta protagonista la fotografia di matrimonio d’autore. In occasione della Convention annuale di ANFM, unica Associazione italiana di fotografi matrimonialisti, Maurizio Beucci,...

La direzione nazionale di CNA alla quale ha preso parte anche il Presidente di Cna Basilicata Leo Montemurro ha incontrato questa mattina il Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso. “

“ È stato un confronto proficuo e costruttivo – afferma Montemurro– da cui sono emerse posizioni condivise sul valore, riconosciuto in tutto il mondo, del Made in Italy e del suo valore per la crescita del nostro Paese”.
Il Presidente nazionale di CNA Dario Costantini ha riportato l’attenzione sul recente caos sul Superbonus scatenato dallo stop improvviso alla cessione del credito e allo sconto in fattura: “Siamo certi che potremo contare anche sul suo prezioso contributo per dare, in tempi brevissimi, risposta alle 40mila imprese che sono al limite della sofferenza e della sopportazione per gli oltre otto miliardi di crediti incagliati”.

“Dal Ministro – continua il presidente regionale Cna – sono arrivate parole importanti sulla centralità delle micro e piccole imprese nell’economia italiana. Mentre negli anni passati nel contesto europeo una dimensione aziendale ridotta era vissuta come un limite, oggi vi è un’ampia e condivisa opinione sulle sue innegabili qualità: flessibilità e resilienza che, insieme alla tenacia degli imprenditori italiani hanno dato forma a una imprenditoria capace di adattarsi anche ai cambiamenti più improbabili. Ciò che abbiamo vissuto a partire dal 2020, con l’emergenza sanitaria e che continuiamo a vivere oggi con le crisi connesse alla guerra in Ucraina, ne sono la dimostrazione più concreta”.

“Artigiani e Pmi sono elementi di forza del sistema Italia in questa fase di deglobalizzazione, se ne sono accorti anche gli altri Paesi europei stupiti dalla nostra reazione, più performante di altre nazioni industriali del vecchio continente . Per questo abbiamo creato il ministero delle imprese e del Made in Italy”, ha dichiarato Ministro delle imprese e del Made in Italy Urso, che continua “abbiamo collegato alla legge finanziaria sul Made in Italy, un disegno di legge che presenteremo in Parlamento ad aprile, quando sarà terminata l’indagine conoscitiva della commissione Attività produttive della Camera. Lo stesso governo sta portando avanti un confronto con le Regioni e gli attori coinvolti e la misura riguarderà la lotta alla concorrenza sleale, alla contraffazione, all’italian sounding, ma valorizzerà anche il prodotto italiano come tale”.

Risulta evidente che i dossier di competenza del Ministero delle imprese e del Made in Italy impattino fortemente sulle micro e piccole imprese. La Confederazione ha dato piena disponibilità a lavorare insieme e l’essere considerati interlocutori privilegiati è motivo di orgoglio: quello avvenuto questa mattia è, pertanto, il primo di diversi incontri utili a approfondire temi connessi alla piccola impresa e alla crescita del Paese.

“Dobbiamo essere uniti come sistema Paese – ha concluso Dario Costantini presidente nazionale Cna –, siamo convinti di poter dare il nostro contributo nell’individuazione delle scelte e nella definizione degli interventi necessari per attuare il PNRR e, più in generale, per accompagnare tutto il sistema produttivo nelle trasformazioni che segneranno i prossimi decenni”.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap