lunedì, 15 Aprile 2024

Patto di amicizia tra Matera e Greccio (Ri) sulla tradizione presepiale

Matera è tra le città protagoniste oggi (13 aprile) alla “Festa delle città gemellate”, che si svolge nel comune rietino di Greccio dove è stato realizzato il presepe di San Francesco, il più antico d’Italia con i suoi 800 anni. Un’occasione preziosa per coinvolgere...

La messa della Domenica delle Palme, celebrata questa mattina nella Cattedrale di Matera da mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, Arcivescovo di Matera-Irsina e Vescovo di Tricarico, è stata preceduta dalla commemorazione dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme che si è tenuta all’interno della Chiesa di San Francesco d’Assisi.
Dopo la lettura del brano del Vangelo di Marco, che racconta del pellegrinaggio di Gesù e della folla da Gerico verso la città santa, l’Arcivescovo ha benedetto i ramoscelli d’ulivo, dando poi inizio alla processione delle palme verso la Basilica cattedrale.
A precedere i concelebranti e la folla dei fedeli c’è stato un segno pasquale: la croce rivestita di fiori, richiamo alla persona di Cristo la cui morte non ha segnato la fine della vita ma il fiorire di una vita nuova.
Attraverso la processione anche noi, come gli abitanti di Gerusalemme, abbiamo cantato ed espresso la nostra gioia nell’accogliere il Signore che viene” così don Pino nell’omelia durante la messa.
Il Vescovo  ha poi sottolineato come siano  state due le processioni di Gesù: la prima nella festa dell’ingresso a Gerusalemme, la seconda nella sofferenza della salita al Calvario. Dio, fattosi uomo, ha voluto condividere tutti gli aspetti della vita dell’uomo, non solo quelli negativi.
C’è una passione che non è solo quella di Cristo sulla croce ma è la sua passione per l’uomo a cui vuole donare quella felicità, quella gioia, quella pace che spesso viene invocata e sembra impossibile da raggiungere”.
Mons. Caiazzo ha poi concluso: “La fede in Gesù Cristo che, sull’altare della croce si è fatto cibo di vita eterna, alimenti in noi la speranza, la gioia, l’entusiasmo e la forza d’animo di reagire di fronte a qualsiasi forma di negazione della vita”.

Pubblicità

Pubblicità
Copy link
Powered by Social Snap